SuperAbile







Percorsi tattili e sonori nei Musei Civici romani (seconda parte)

La scheda segnala le opportunità di visita rivolte al pubblico con limitazioni sensoriali al Museo Bilotti, al Museo di Roma, al Museo della Centrale Montemartini, alla Galleria d’Arte Moderna, al Museo Napoleonico, ai Musei di Villa Torlonia, al Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco

28 settembre 2018

Prosegue e si conclude l’approfondimento di superabile.it dedicato ai percorsi tattili e sonori all’interno dei Musei Civici di Roma. L’iniziativa, promossa dall’Assessorato alla Crescita Culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali in collaborazione con i servizi museali di Zètema Progetto Cultura, si colloca perlopiù all’interno del progetto “Musei da toccare”, avviato dal 2015 per offrire al pubblico con limitazioni visive la possibilità di visitare i luoghi propri dell’arte, superando le barriere in essi presenti e valorizzando le buone pratiche rivolte all'inclusione.

Nel 2013 il Museo Carlo Bilotti, ospitato nell'edificio dell'Aranciera di Villa Borghese,  aderisce alla Biennale Arteinsieme - cultura e culture senza barriere, realizzando percorsi multisensoriali alla mostra “White and white” e visite guidate alla collezione permanente con esplorazione visiva e tattile delle opere. Nel 2015 l’adesione alla Biennale viene rinnovata con nuovi contenuti pensati per la visita multisensoriale e l’aggiunta alla collezione permanente delle due tavole tattili dechirichiane “Orfeo Solitario” e “Mistero e malinconia d’una strada”, fatte realizzare dall’Associazione Museum.

Dal 2016, il Museo Bilotti aderisce anche al progetto “Musei da toccare”, grazie al quale può contare su finanziamenti volti all’adattamento dei canali di comunicazione, alla predisposizione di materiali informativi ed all’integrazione degli apparati didattici e dei supporti alla visita. Infine, l’adesione alla Biennale anche per il 2017 prevede fino a giugno un ricco programma di iniziative di didattica inclusiva e visite tattili alla collezione permanente accompagnati un’operatrice specializzata. Info: http://www.museocarlobilotti.it

Da sempre attento alle esigenze del pubblico con disabilità visive, è anche il Museo di Roma ospitato a Palazzo Braschi. Da circa due anni, nell’ambito del progetto “Musei da toccare”, sono organizzate visite guidate per non vedenti che permettono di vivere l’esperienza sensoriale tattile di una decina di oggetti esposti nelle sale. Congiuntamente, lungo il percorso museale, il visitatore non vedente può accedere alle informazioni relative a dieci delle opere più rappresentative della collezione attraverso altrettante didascalie in braille e per ipovedenti, posizionate accanto alle opere stesse. Info: http://www.museodiroma.it

Ed ancora, il Museo della Centrale Montemartini ha individuato alcune opere della collezione che possono prestarsi alla realizzazione di visite tattili rivolte a persone con limitazioni visive. Per facilitarne la fruizione sono state elaborate delle schede relative alle stesse opere. Info: http://www.centralemontemartini.org  

Il 24 febbraio 2017 è stato invece presentato il progetto didattico InterGAM, ideato dalla Scuola di Comunicazione e Didattica dell'Arte dell'Accademia di Belle Arti di Roma e realizzato in collaborazione con la Galleria d'Arte Moderna. Ai visitatori ipovedenti e non vedenti della Galleria d’Arte Moderna è dunque dedicato un file audio con una descrizione dettagliata delle opere, così da rivivere le suggestioni della Roma tra il 1870 e gli anni Cinquanta. Info: http://www.galleriaartemodernaroma.it

Anche il Museo Napoleonico, situato al piano terra del Palazzo Primoli, ha aderito al progetto “Musei da toccare”, proponendo a cadenza mensile visite tattili tenute da operatori specializzati e da personale della didattica museale. Nel corso degli incontri gli utenti non vedenti possono entrare in contatto con una serie di sculture selezionate e una serie di schede descrittive dedicate a opere pittoriche. Oltre agli appuntamenti aperti al pubblico, sono realizzate visite tattili destinate a classi scolastiche nelle quali erano presenti alunni con limitazioni Visive. Info: http://www.museonapoleonico.it

Il Museo del Casino Nobile ed il Museo della Casina delle Civette, entrambi collocati all’interno del parco di Villa Torlonia, hanno aderito alla VII edizione della Biennale Arteinsieme 2017 e propongono visite tattili ed altre attività tese a favorire la partecipazione del pubblico con disabilità alla fruizione dell’arte. Info: http://www.museivillatorlonia.it

Concludiamo segnalando il Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco dove è presente un percorso di visita tattile per non vedenti e ipovedenti su una scelta di opere con didascalie in braille. Su richiesta, inoltre, si possono consultare i quattro volumi di guide del museo, realizzati in braille e con testi ed immagini a rilievo. Info: http://www.museobarracco.it

Per completezza di informazione, segnaliamo infine che si stanno attrezzando per l’accoglienza di visitatori con limitazioni sensoriali il Museo di Casal de’ Pazzi  ed Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina.

di Francesca Tulli

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati