SuperAbile






In Paralimpiadi

Notizie


Tokyo 2020, sale a 11 la lista degli azzurri in gara nell'atletica

Francesca Cipelli, Marco Cicchetti, Micky Russo. sono questi i tre azzurri di atletica paralimpica che si aggiungono alla lista di quelli già qualificati. Il direttore tecnico della Nazionale italiana Duminuco: “La composizione definitiva della squadra conferma la vivacità del nostro movimento” 

3 agosto 2021

ROMA - Francesca Cipelli, Marco Cicchetti, Micky Russo: sono questi i tre azzurri di atletica paralimpica che si aggiungono alla lista di quelli già qualificati per i Giochi di Tokyo 2020. A seguito di una nuova slot ricevuta da World Para Athletics per gli uomini, la squadra sarà ora composta da 11 atleti, 6 donne e 5 uomini.   In campo maschile, al gruppo si uniscono il saltatore in lungo T44 Marco Cicchetti (Fiamme Azzurre) e il lanciatore di peso F35 Nicky Russo (Atletica Virtus Lucca), entrambi medaglia di bronzo agli ultimi Europei di Bydgoszcz.
 
Tra le donne, sulla base di valutazioni da parte dello staff tecnico nazionale, Francesca Cipelli (Veneto Special Sport) sostituirà Arjola Dedaj (Non Vedenti Milano) nel lungo. La saltatrice veneta della categoria T37, negli scorsi giorni, si è messa in evidenza con una prestazione memorabile a Celle Ligure che lha proiettata ai primi posti del ranking mondiale di questanno (4,12). 
 
Da sottolineare che tutti e tre gli atleti sono alla loro prima esperienza a una Paralimpiade. 

La composizione definitiva della squadra conferma la vivacità del nostro movimento – afferma il direttore tecnico della Nazionale italiana Vincenzo Duminuco - agli atleti già noti e d'esperienza si affianca, con ottime prospettive, un gruppo di esordienti decisi e motivati a dimostrazione della bontà del lavoro fatto sino ad ora. Abbiamo la consapevolezza che vivremo una Paralimpiade particolare nell'organizzazione e nella gestione quotidiana, ma anche molto dura dal punto di vista degli avversari da battere. Tutti gli atleti convocati si stanno preparando al meglio e, sono certo, daranno il massimo in ogni frazione di gara alla quale parteciperanno.
 
Carico Alessandro Ossola: La mia gara è quella dei 100 metri, una delle più adrenaliniche ed emozionanti che esistanoCercherò di dare il massimo, centrando lobiettivo di una medaglia o, quanto meno, della miglior prestazione italiana. (a cura del Cip)

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati