SuperAbile






In Normativa e Diritti

Notizie


Una Carta europea per il riconoscimento giuridico del lavoro di cura

Promossa da Coface, Aias e Ufha, punta al supporto della persona che si prende cura di un familiare non autosufficiente. Presentazione a Roma nell’ambito della prima conferenza europea sul tema

19 aprile 2007

ROMA – Non si può più attendere. E’ urgente sviluppare, nel nostro e negli altri Paesi europei, politiche sociali e servizi di supporto ai familiari che si prendono cura di un congiunto non autosufficiente. Mentre in Italia sta andando avanti, anche se faticosamente, l’iter della proposta di legge sul pre-pensionamento dei genitori di persone con grave disabilità (in Commissione Lavoro alla Camera si sta cercando di arrivare a un testo condiviso da tutte le forze politiche, dopo la giornata nazionale indetta lo scorso 1° febbraio per portare l’attenzione sul problema), Coface handicap (Confédération des organisations familiales de la Communauté européenne, di cui è presidente Anna Maria Comito) Aias nazionale e Ufha (Unione famiglie handicappati)
insieme ad altre associazioni europee di famiglie tornano a sollecitare con forza l’attenzione sul tema. E oggi a Roma presentano la Carta europea per il “Supporto al familiare che si prende cura di un familiare non autosufficiente”, nell’ambito della prima conferenza europea dedicata all’argomento.
Come ricordano i promotori, in Europa le persone con disabilità sono 50 milioni, di cui più dell’85% vive in famiglia; in Italia ci sono 2.800.000 persone disabili e quasi tutte vivono in famiglia. Numerosi sono i familiari che lavorano e che affrontano tutti i giorni non solo i problemi inerenti alla vita professionale, ma anche le difficoltà legate al lavoro di cura e di assistenza al congiunto non autosufficiente.

La Carta, redatta dalle organizzazioni in linea con gli obiettivi della Commissione europea, è stata concepita come uno strumento utile e agile, articolato nei seguenti 10 punti: Definizione del familiare che si prende cura di un familiare non autosufficiente; Scelta del familiare; Solidarietà familiare; Solidarietà nazionale; Posizione della persona che si prende cura di un familiare non autosufficiente nei sistemi sociali e sanitari; Status ufficiale del familiare che si prende cura di un familiare non autosufficiente; Qualità della vita; Diritto all’intervento di sollievo; Informazione e formazione; Valutazione.

Nel corso della conferenza di Roma di oggi, i diversi aspetti saranno approfonditi. Intento dei promotori della Carta è quello di proporla alle parti sociali, alle organizzazioni delle persone con disabilità e alle loro famiglie, alle istituzioni europee e nazionali, con l’obiettivo “che siano opportunamente tenuti in considerazione i bisogni del familiare care giver”.

La Carta europea vuole soprattutto contribuire alla conciliazione della vita familiare e professionale con l’attività di assistenza mediante il riconoscimento giuridico del lavoro di cura. Inoltre, intende favorire il mantenimento dell’occupazione e l’eventuale reinserimento o ripresa dell’attività lavorativa, la possibilità di progressione di carriera per i familiari lavoratori, insieme ad una migliore qualità di vita per il familiare non autosufficiente. (Elisabetta Proietti)
 
(19 aprile 2007)

di e.proietti

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati