SuperAbile






In Normativa e Diritti

Notizie


Salute mentale, seconda conferenza nazionale (a 20 anni dalla prima)

Promossa dal ministero (25-26 giugno), in streaming, a conclusione dei lavori del Tavolo tecnico e seminari tematici. Tra gli obiettivi: ribadire la responsabilità pubblica delle politiche e garantire su tutto il territorio in modo uniforme il diritto alla cura e all'inclusione

22 giugno 2021

ROMA - A vent’anni dalla prima, si terrà il 25 e 26 giugno 2021, in modalità streaming, la seconda Conferenza nazionale per la salute mentale. “Per una salute mentale di comunità”, il tema della due giorni promossa dal ministero della Salute, che arriva a conclusione di un percorso di approfondimento, sviluppato da oltre un anno attraverso i lavori del Tavolo tecnico per la salute mentale e alcuni seminari tematici, spiega il ministero.

Tra gli obiettivi della conferenza: riaffermare il principio, come sostenuto dall’Organizzazione mondiale della sanità, che non c’è salute senza salute mentale, e che essa è condizione per lo sviluppo economico e sociale delle comunità; ribadire la responsabilità pubblica delle politiche per la Salute Mentale, per garantire in modo uniforme sul territorio nazionale il diritto alla cura e all'inclusione sociale; analizzare in maniera partecipata e trasparente il funzionamento dei servizi per la salute mentale, i modelli organizzativi, le risorse umane ed economiche impiegate, la qualità delle risposte ai bisogni di salute della popolazione e le pratiche per il rispetto dei diritti di cittadinanza; ripensare le politiche future, anche alla luce delle vulnerabilità emerse nel corso della pandemia, valorizzando le buone pratiche e assumendo come cornice di riferimento la salute mentale di comunità. 

Prevista in plenaria la partecipazione, tra gli altri, dei ministri Roberto Speranza (Salute), Marta Cartabia (Giustizia) e Andrea Orlando (Lavoro e politiche sociali), di DévoraKestel, direttore dipartimento Salute mentale e abuso di sostanze dell’Oms, di Massimo Cirri, conduttore radiofonico di RAI Radio2 e psicologo, si Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità, Nerina Dirindin, esperta del ministro in materia di economia e politica sanitaria e del segretario generale del ministero della Salute, Giovanni Leonardi.

Nei gruppi di lavoro, nel pomeriggio del 25 giugno, spiega il ministero, si entrerà nel dettaglio delle criticità fin qui emerse dai lavori del tavolo: dall’organizzazione dei servizi alla salute mentale dei minori, degli adolescenti e dei giovani adulti fino alle buone e cattive pratiche dei percorsi presa in carico. Ma si discuterà anche anche del ruolo delle associazioni di utenti, familiari e del volontariato nei servizi di salute mentale.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati