SuperAbile







Iscrizioni alunni con disturbi specifici di apprendimento (DSA)

Per consentire agli alunni con DSA di raggiungere gli obiettivi di apprendimento, devono essere riarticolate le modalità didattiche e le strategie di insegnamento sulla base dei bisogni educativi specifici, in tutti gli ordini e gradi di scuola.

4 settembre 2019

Secondo l'articolo 1, comma 622 della Legge 27 dicembre 2006 n. 296, è obbligatoria l'istruzione impartita per almeno 10 anni e riguarda la fascia di età compresa tra i 6 e i 16 anni.

In base a quanto disposto dall'art. 7 comma 28 della Legge 7 agosto 2012 n. 135, recante "Disposizioni urgenti per la razionalizzazione della spesa pubblica", le iscrizioni dovranno essere effettuate esclusivamente on line, per tutte le classi iniziali dei corsi di studio (scuola primaria, secondaria di primo grado e secondaria di secondo grado). Sono escluse da tale procedura le iscrizioni alla scuola dell'infanzia.

Per gli alunni già iscritti a classi diverse dalla prima non occorre effettuare nessuna iscrizione in quanto alle classi successive avviene d'ufficio.

Le iscrizioni on line di alunni con diagnosi di Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) effettuate nei termini stabiliti dalla circolare emanata annualmente dal Ministero, devono essere perfezionate con la presentazione alla scuola prescelta, da parte dei genitori dell'alunno con DSA, della relativa diagnosi, rilasciata ai sensi della Legge 8 ottobre 2010 n. 170 e secondo quanto previsto dall'Accordo Stato-Regioni del 25 luglio 2012, sul rilascio delle certificazioni.

La definizione di una diagnosi di DSA avviene in una fase successiva all'inizio del processo di apprendimento scolastico, di solito al termine del normale processo di insegnamento delle abilità di lettura e scrittura (fine della seconda primaria) e di calcolo (fine della terza primaria).

La diagnosi di DSA deve essere aggiornata al passaggio da un ciclo scolastico al successivo, nonché ogni qualvolta sia necessario modificare l'applicazione degli strumenti didattici e valutativi necessari, su segnalazione della scuola alla famiglia o su iniziativa della famiglia.

Le istituzioni scolastiche assicurano le idonee misure compensative e dispensative previste dal Decreto Ministeriale del 12 luglio 2011 n. 5669 e delle allegate linee guida; in particolare, provvedono ad attuare i necessari interventi pedagogico-didattici per il successo formativo degli alunni e degli studenti con DSA, attivando percorsi di didattica individualizzata e personalizzata e ricorrendo a idonei strumenti compensativi e misure dispensative.

Gli alunni con DSA esonerati dall'insegnamento della lingua straniera ovvero dispensati dalle prove scritte di lingua straniera in base a quanto previsto dall'articolo 11 del Decreto Legislativo 13 aprile 2017 n. 62, conseguono titolo valido per l'iscrizione alla scuola secondaria di secondo grado.

Riferimenti normativi

Nota del 20 novembre 2018 n. 19534
(Piano triennale dell'offerta formativa);

Circolare del 7 novembre 2018 n. 18902 punto 9.2 (Iscrizioni alle scuole dell'infanzia e alle scuole di ogni ordine e grado per l'anno scolastico 2019/2020);

Legge 13 luglio 2015 n. 107 art. 1 c. 181 (Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti);

Nota Prot. del 22 novembre 2013 n. 2563 (Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali. A.S. 2013/2014. Chiarimenti.);

Nota Prot. del 27 giugno 2013 n. 1551 (Piano Annuale per l'Inclusività);

Decreto Interministeriale del 17 aprile 2013 n. 297 (Linee guida per la predisposizione dei protocolli regionali per le attività di individuazione precoce dei casi sospetti di DSA);

Circolare del 6 marzo 2013 n. 8 (Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 "Strumenti d'intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l'inclusione scolastica". Indicazioni operative);

Direttiva del 27 dicembre 2012 (Strumenti d'intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l'inclusione scolastica);

Legge 7 agosto 2012 n. 135 art. 7 comma 28;

Accordo in Conferenza Stato-Regioni DSA del 25 luglio 2012 (Indicazioni per la diagnosi e la certificazione dei Disturbi specifici di apprendimento (DSA);

Protocollo d'Intesa per la tutela del diritto alla salute e allo studio per studenti con disabilità del 12 luglio 2012 (Coordinamento degli interventi sanitari e scolastici, al fine di assicurare un sistema di presa in carico globale di bambini, alunni e studenti con disabilità e Disturbi Evolutivi Specifici);

Decreto ministeriale del 12 luglio 2011 n. 5669 (Decreto applicativo della Legge 8 ottobre 2010 n. 170);

Linee guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con disturbi specifici di apprendimento;

Legge 8 ottobre 2010 n. 170 (Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico);

Decreto del Presidente della Repubblica 22 giugno 2009 n. 122 (art. 10);

Legge 27 dicembre 2006 n. 296 art. 1 comma 622;

Legge del 28 marzo 2003 n. 53 Art. 2 comma 1 lettera l (Delega al Governo per la definizione delle norme generali sull'istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione e formazione professionale).

di Antonello Giovarruscio

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati