SuperAbile


English version


Benvenuto nella comunità di SuperAbile. Accedi alle tue aree personalizzabili

SuperAbile regionale

SUPERABILE MULTIMEDIA

COMMUNITY

Per saperne di più

INAIL Protesi Riabilitazione e Reinserimento

Inail per l'integrazione delle persone straniere

Call Center

Contatta Superabile

Logo accessibilità


News

Nuovo Isee, bocciatura confermata: "Le indennità non devono essere considerate reddito"

Pubblicata l'attesa sentenza del Consiglio di Stato: respinto il ricorso della Presidenza del Consiglio dei ministri contro le decisioni del Tar del Lazio che nel febbraio 2015 avevano dichiarato illegittimo l'inserimento di pensioni e indennità di accompagnamento nel concetto di reddito. Vittoria completa per le famiglie dei disabili. Bonanno: "Davide ha vinto contro Golia, in Italia esiste ancora la giustizia"

ROMA - Sul nuovo Isee, il Consiglio di Stato ha dato ragione alle famiglie con disabilità, respingendo nuovamente l'appello presentato dal Governo. Il ricorso contro il nuovo Isee, insomma, è ufficialmente e completamente vinto: e l'appello presentato al Consiglio di Stato dal governo è stato respinto. "Deve il Collegio condividere l'affermazione degli appellanti incidentali - si legge nella sentenza - quando dicono che 'ricomprendere tra i redditi i trattamenti indennitari percepiti dai disabili significa allora considerare la disabilità alla stregua di una fonte di reddito - come se fosse un lavoro o un patrimonio - ed i trattamenti erogati dalle pubbliche amministrazioni, non un sostegno al disabile, ma una 'remunerazione' del suo stato di invalidità oltremodo irragionevole, oltre che in contrasto con l'art. 3 della Costituzione". Il Consiglio di Stato conferma quindi quanto già sentenziato dal Tar del Lazio, il quale aveva respinto "una definizione di reddito disponibile che includa la percezione di somme, anche se esenti da imposizione fiscale": in sintesi, le provvidenze economiche previste per la disabilità non possono e non devono essere conteggiate come reddito.

E argomenta così il Consiglio di Stato, in merito alla questione di indennità e reddito: "Non è allora chi non veda che l'indennità di accompagnamento e tutte le forme risarcitorie servono non a remunerare alcunché, né certo all'accumulo del patrimonio personale, bensì a compensare un'oggettiva ed ontologica (cioè indipendente da ogni eventuale o ulteriore prestazione assistenziale attiva) situazione d'inabilità che provoca in sé e per sé disagi e diminuzione di capacità reddituale. Tali indennità o il risarcimento sono accordati a chi si trova già così com'è in uno svantaggio, al fine di pervenire in una posizione uguale rispetto a chi non soffre di quest'ultimo ed a ristabilire una parità morale e competitiva. Essi non determinano infatti una 'migliore' situazione economica del disabile rispetto al non disabile, al più mirando a colmare tal situazione di svantaggio subita da chi richiede la prestazione assistenziale, prima o anche in assenza di essa".

Esultano i ricorrenti, che proprio pochi minuti fa hanno ricevuto da notizia dall'avvocato che li ha rappresentati, Federico Sorrentino. "Ero sicura che il Consiglio di Stato ci avrebbe dato ragione! Questa è la prova che in Italia la giustizia ancora esiste, a dispetto di quanto vogliono farci credere - commenta emozionata Chiara Bonanno, una delle promotrici del ricorso - È una sentenza storica, perché nata dalla volontà di tante persone e famiglie vessate da una legge iniqua e ingiusta e da un governo che si è mostrato persecutorio nei nostri confronti. La prima sentenza del Tar - ricorda Bonanno - era infatti immediatamente esecutiva. ma per due anni il governo ha continuato ad applicare un Isee palesemente ingiusto, che ha creato ingiustizie, gravi danni e perfino morti. Perché chiedere a famiglie allo stremo di compartecipare alle spese dell'assistenza significa colpire con forza chi forza non ha. Chi ha fatto questa legge ha creato gravi danni economici, ma sopratutto alla dignità di queste persone. Davide ha vinto contro Golia: tante persone debolissime si sono letteralmente trascinate dal notaio, per firmare il mandato all'avvocato. E' stato faticosissimo fare tutto questo: ma abbiamo vinto. I deboli hanno sconfitto il potere. E oggi festeggiamo". (cl)

(29 febbraio 2016)

Isee, Unione ciechi e ipovedenti: "Soddisfazione per la sentenza"

logo UiciAll'indomani della sentenza del Consiglio di Stato che scongiura l'inserimento dell'indennità di accompagnamento e delle pensioni di invalidità nel computo dell'Isee, l'Uici auspica "il coinvolgimento delle associazioni per rinegoziare l'intero impianto dell'Isee"

Il nuovo Isee avvantaggiava i disabili? Il Coordinamento contesta i dati

disabile su sedia a ruoteReplica del Coordinamento delle famiglie disabili gravi e gravissimi all'articolo di Cristiano Gori. "Ricerca condotta solo sul 2% del totale: esclusi coloro che non hanno fatto richiesta di Isee sapendo di non avere più accesso ad agevolazioni. Abbiamo vinto contro un'ingiustizia: le grandi associazioni dove erano?"

Isee, "ora il governo provveda al più presto". Le indicazioni della Ledha

logo LedhaDopo la sentenza del Consiglio di Stato, "i comuni non hanno più scuse: devono adottare i nuovi regolamenti o modificare quelli già in vigore, adeguandosi a quanto stabilito dalle sentenze. Lo facciano presto, coinvolgendo le associazioni"

Disabilità, nuovo Isee, Fand: sentenza ristabilisce un "equo" trattamento

sedia a ruoteIl presidente Bettoni commenta il pronunciamento del Consiglio di Stato sulla sentenza del Tar del Lazio: garanzia di una tutela sociale che non può essere calpestata in base a esigenze di cassa

Nuovo Isee, Poletti: "Ci adeguiamo alla sentenza". Ma nessun risarcimento alle famiglie

Il ministro del Lavoro assicura che dopo la decisione del Consiglio di Stato sarà modificato il regolamento sull'Isee per allinearsi a ciò che la sentenza richiede. Esclusi risarcimenti. L'avvocato che ha seguito il ricorso però attacca: "Chi ha subito un danno patrimoniale deve essere risarcito, chi ha sbagliato deve assumersi le proprie responsabilità"

Disabili, Meloni: Renzi e Poletti tolgono diritti a cittadini inermi

"Nell'ultimo decreto del governo Renzi è contenuta una norma che consente alle banche di toglierti casa dopo 7 mesi consecutivi in cui non si pagano le rate del mutuo. E in Consiglio di Stato ha perso contro le famiglie che lo avevano denunciato per la norma vergognosa che le costringe a calcolare l'indennità di accompagnamento come una fonte di ricchezza"

Nuovo Isee, plaude l'Anmil: "Ha prevalso il buon senso e il rispetto per famiglie"

Il presidente Bettoni in una nota: "Ricomprendere nell'Isee i trattamenti indennitari percepiti dai disabili significa considerare la disabilità alla stregua di una fonte di reddito. Contro l'ingiusta quanto gravosa riforma dell'Isee ci siamo opposti e battuti sin dall'inizio"

Nuovo Isee, Gori: "Così fallisce il tentativo di rendere il welfare più equo"

Cristiano GoriDopo la sentenza del Consiglio di Stato, fuori dal coro il giudizio del docente di Politiche sociali, che difende lo strumento: "C'era qualche criticità, ma il nuovo Isee era in generale più vantaggioso per le persone con disabilità". E sottolinea il paradosso di una misura favorevole ai disabili affossata a una minoranza di disabili

Nuovo Isee, interrogazione parlamentare: "Governo corregga decreto"

La deputata toscana Marisa Nicchi in merito alla questione disabili: "L'indennità di accompagnamento non può essere conteggiata come reddito. Adesso il Governo intervenga"

Nuovo Isee, Anmic: "Decisione Consiglio di Stato avrà effetti più ampi"

logo AnmicSecondo il presidente nazionale Nazaro Pagano il concetto di reddito come fissato dal Consiglio di Stato potrebbe avere un rilievo al di là del semplice indicatore Isee, portando conseguenze anche in merito ad altre situazioni previste dall'ordinamento