Novembre 2018

Visualizza la pagina 43 di SuperAbile Inail di Novembre 2018 in formato .pdf

Usa i tasti direzionali avanti e indietro della tastiera per sfogliare la rivista

Scarica la pagina in formato .pdf

Scarica l'intera rivista in formato .pdf

Scarica Adobe Reader per visualizzare le pagine in formato .pdf

DULCIS IN FUNDO

stampa 3D

Trasformare il dolore in un’opera d’arte. Perché scolpire le proprie cicatrici e metterle in mostra può far scoprire un nuovo lato di se stessi

Tutti abbiamo una cicatrice. Chi sul corpo, chi nel cuore, chi nell’anima. Chi più evidente, chi meno. Sono segni, spesso solchi, che non si vogliono mostrare. Perché le cicatrici sono brutte da vedere oppure perché ci fanno apparire più fragili. Ma non sempre è così. In un percorso durato un anno i B.Livers, ragazzi con gravi patologie croniche seguiti da diversi ospedali lombardi e afferenti alla Fondazione Near onlus, grazie alla collaborazione con il laboratorio tecnologico +Lab del Politecnico di Milano, hanno raccontato e poi scolpito con le stampanti 3D le proprie cicatrici su due icone di bellezza universale, la Venere di Milo e il David di Michelangelo, in una “discesa” all’interno di se stessi. Un viaggio emozionale alla scoperta del proprio “essere meraviglia”. Queste opere d’arte sono state esposte in ottobre alla Triennale di Milano e raccolte in un catalogo pubblicato da De Agostini Scuola. (Foto: Stefania Spadoni)

42