Novembre 2018

Visualizza la pagina 29 di SuperAbile Inail di Novembre 2018 in formato .pdf

Usa i tasti direzionali avanti e indietro della tastiera per sfogliare la rivista

Scarica la pagina in formato .pdf

Scarica l'intera rivista in formato .pdf

Scarica Adobe Reader per visualizzare le pagine in formato .pdf

TEMPO LIBERO In aria

  - CONTINUA DA PAGINA 27

infatti, su dodici istruttori, quattro sono cugini d’Oltralpe e tre sono campioni del mondo.

Il toscano è uno degli istruttori e si prende cura dei giovani con disabilità che vogliono provare l’ebrezza del volo grazie al programma “Aero Gravity Disability Project”, come il gruppo di 15 famiglie portate a Rho lo scorso agosto da Daniele Cassioli, pluricampione internazionale di sci nautico per non vedenti. «A maggio dello scorso anno Aero Gravity mi ha invitato a provare il tunnel prima di iniziare il corso Aff (Accelerated free fall, ndr) che mi avrebbe fatto conseguire l’abilitazione al lancio con paracadute», racconta Andrea. Che ci è andato, ma non di certo da novellino dell’aria. Perché alle spalle aveva già diverse ore di volo in tunnel e una decina di lanci in tandem, seguito in questo lungo percorso dagli istruttori Walter Idra e Enrico Corsaro della scuola di paracadutismo Fareunlancio (presente in varie parti d’Italia).

Dopo la prima volta in Aero Gravity «abbiamo fatto un piccolo video di presentazione con l’amministratore delegato, Sandro Andreotti – racconta Pacini –, perché c’era l’idea di dare un servizio anche ai ragazzi con disabilità, e infine c’è stata la possibilità di essere inserito nello staff». Nel primo anno sono venuti oltre 100 ragazzi: «Mille sfaccettature fra persone con

  - CONTINUA A PAGINA 29

In queste foto Andrea Pacini e altri appassionati all’interno della gallerie del vento Aero Gravity, alle porte di Milano. Qui anche le persone con disabilità possono provare l’ebbrezza del paracadutismo al coperto. Nel primo anno di attività l’hanno sperimentato oltre 100 giovani con sindrome di Down, lesioni midollari, ciechi e sordi. Foto di Francesco Floris

28