Agosto 2018

Visualizza la pagina 29 di SuperAbile Inail di Agosto 2018 in formato .pdf

Usa i tasti direzionali avanti e indietro della tastiera per sfogliare la rivista

Scarica la pagina in formato .pdf

Scarica l'intera rivista in formato .pdf

Scarica Adobe Reader per visualizzare le pagine in formato .pdf

VISTI DA VICINO Nuove parole

Comunicare in Lingua dei segni senza essere sordi

Sono tante le malattie genetiche che hanno tra i loro sintomi l’assenza di linguaggio verbale. E ora il programma sperimentale I-Spk promette di insegnare a interagire con gli altri attraverso la Lis

Marina Piccone

«La nostra vita è cambiata incredibilmente. Mia figlia fa cose impensabili fino a poco tempo fa. Finalmente posso parlare con lei». Tonia è la mamma di Francesca, undici anni, affetta dalla sindrome di Coffin Siris, una malattia genetica rara (solo nove casi in Italia e 176 nel mondo) che ha, tra le sue caratteristiche, quella di non poter emettere suoni e, quindi, di non poter parlare. E così è stato per Francesca, fino a quando la piccola non è entrata in un protocollo psicolinguistico sperimentale che le ha dato la possibilità di entrare in relazione con gli altri e di comunicare. Il metodo I-Spk, abbreviazione di I speak, “Io parlo”, o meglio di “Io se posso komunico”, è stato ideato da Valentina Colozza, psicologa e psicoterapeuta sistemico-relazionale; comprende l’apprendimento della Lingua dei segni italiana (Lis) e, parallelamente, un percorso di soste-

  - CONTINUA DA PAGINA 29

28