Agosto 2017

Visualizza la pagina 50 di SuperAbile Inail di Agosto 2017 in formato .pdf

Usa i tasti direzionali avanti e indietro della tastiera per sfogliare la rivista

Scarica la pagina in formato .pdf

Scarica l'intera rivista in formato .pdf

Scarica Adobe Reader per visualizzare le pagine in formato .pdf

LIBRI

E non chiamatelo "poverino"

Matteo Premi, Maria Chiara Oltolini
Mp3. Sulle ruote me la rido
Edizioni San Paolo 2017
168 pagine, 12,50 euro

È un fiume in piena Matteo Premi, che con Maria Chiara Oltolini firma la sua autobiografia Mp3. Sulle ruote me la rido , pubblicata dalle Edizioni San Paolo. Nato con la tetraparesi spastica, a causa di un parto gravemente prematuro, l’universitario 22enne è appassionato di musica e propone ai lettori la sua playlist piuttosto variegata, «perché ci puoi trovare, nell’ordine: 1) il coro della Traviata ; 2) la sigla di Lupin III ; 3) una canzone a caso della colonna sonora del Re Leone . Il fatto è che sono un tipo onnivoro. Adoro cantautori come De André o Guccini (una volta ho fatto sei ore di coda per avere un suo autografo!), ma anche il folk irlandese, la musica pop e le canzoni popolari italiane di tanti anni fa».

Da questa melomania deriva il soprannome che dà il titolo al volume. Che cerca anzitutto di stimolare «una prospettiva completamente diversa» in chi s’imbatte con la disabilità altrui. Matteo ci tiene a rivendicare la sua felicità: ha una carrozzina motorizzata che gli garantisce autonomia nei movimenti, ausili per il computer, e poi «esistono mille modi per viaggiare senza bisogno di uscire dalla propria stanza. Guardare un film, per esempio, o i documentari alla tv». Ride di chi lo guarda con pietismo o di chi lo definisce un "essere di luce". «Poi ci sono quelli che, quando i figli gli chiedono perché uno è in carrozzella, li zittiscono con un sonoro: "Shhh, ha una malattia!"». Lui risponde: «Sono sì sulla sedia a rotelle, ma non sono mica scemo». Resta ancora molto da fare per promuovere una cultura davvero inclusiva. [L.B.]

LIBRI

Felicemente Down

Isabella Piersanti
Da piccola ero Down
Il Prato 2017
128 pagine, 12 euro

Pagine scritte per mettere ordine alle proprie idee. Pensieri fissati nero su bianco «per dire che avere una figlia con la sindrome di Down non è un dramma: ci saranno sì delle difficoltà, ma anche tante risate. E si riceverà un amore incondizionato, puro e totale». Isabella Piersanti insegna al liceo scientifico "Morgagni" di Roma. Undici anni dopo la nascita di Giulia, che intanto ne ha compiuti dodici, ha preso in mano carta e penna. Il risultato s’intitola Da piccola ero Down (Il Prato), con la prefazione del giornalista Gian Antonio Stella. Un libro scritto per condividere questa esperienza con chi si trova in una situazione simile, ma anche e soprattutto per suo marito e per Valentina, la figlia maggiore, «per farci perdonare se qualche volta le abbiamo dato l’impressione di trascurarla». Una famiglia in cui c’è una bambina disabile «non significa non essere più felici, anche se Giulia resterà Down per sempre», ma diventare tutti «un po’ disabili». Alla faccia di quello che pensano gli altri. [M.T.]

Un supereroe dei fumetti con la sindrome di Down

Superb è il nome del nuovo fumetto americano che per la prima volta ha come protagonista un eroe con la sindrome di Down. Racconta la storia di Jonah, un giovane che lotta per trovare il suo posto nel mondo e mettere i suoi super poteri ? forza, telecinesi e telepatia ? a servizio dell’inclusione. Creato attraverso una partnership tra la nota casa editrice americana Lion Forge e la National Down Syndrome Society, Superb è scritto da David F. Walker e Sheena C. Howard e illustrato da Ray-Anthony Height e Le Beau L. Underwood. Dal mese di luglio il primo numero è disponibile nelle edicole statunitensi.

51