Marzo 2017

Visualizza la pagina 41 di SuperAbile Inail di Marzo 2017 in formato .pdf

Usa i tasti direzionali avanti e indietro della tastiera per sfogliare la rivista

Scarica la pagina in formato .pdf

Scarica l'intera rivista in formato .pdf

Scarica Adobe Reader per visualizzare le pagine in formato .pdf

MISCELLANEA

hi-tech

Due imprenditori italiani tra i migliori under 30 secondo Forbes

L’aver inventato una specie di walkman per ciechi li ha fatti entrare nella classifica stilata dalla rivista economica americana Forbes dei migliori 30 imprenditori sociali europei under 30. Si tratta di Saverio Murgia e Luca Nardelli, fondatori della start-up Eyra ? con sede a Chiasso (in Svizzera) ?, nota fino a qualche tempo fa come Horus Technologies. E "Horus" è anche il nome dell’ausilio che ha valso ai due italiani la prestigiosa menzione nella categoria "social entrepreneurs": una scatoletta tascabile che funge da assistente per le persone con disabilità visiva, in grado di leggere, riconoscere volti, oggetti, ostacoli e descrivere la realtà. Grazie a un apposito software, infatti, gli input visivi catturati dalla telecamera posta nell’auricolare vengono convertiti in istruzioni verbali o parole.

design

Metro di Tolosa più accessibile

Una chiatta per indicare il Canal du Midi e uno scoiattolo per la stazione Esquirol, nome occitano del piccolo roditore. Da quest’anno le 38 fermate della metro di Tolosa (in Francia) avranno un disegno associato a ciascuna di esse. Un’iniziativa di identificazione visiva concepita per sviluppare l’autonomia delle persone con disabilità intellettiva, che in questo modo saranno in grado di orientarsi più facilmente tra gli stop del proprio percorso, voluta dall’azienda per la mobilità pubblica Tisséo-Smtc e realizzata dal liceo di arti grafiche "Des Arènes".

Un progetto che si inscrive nel piano di accessibilità dei trasporti cittadini, in parte già fruibili dai passeggeri in carrozzina. Le risorse destinate all’eliminazione delle barriere ammontano infatti a 19,5 milioni di euro per il periodo 2016-2018. [M.T.]

kit

Arriva la valigetta anti-noia per malati cronici costretti a letto

Ecco come alleviare la noia e dare un po’ di sollievo a chi è costretto a letto a causa di una malattia cronica. La valigetta si chiama "Be brave box" ed è una scatola piena di passatempi e giochi brevettata dalla diciassettenne canadese Taylor Nadraszky. Ma non manca nemmeno l’occorrente per l’automedicazione o la cura di sé. L’idea le è venuta quando, nel 2015, la ragazza si è ritrovata a letto per mesi dopo aver subito il trapianto di un rene.

La valigetta, concepita per grandi e piccini, può essere ordinata online su bebravebox.ca e il suo contenuto è top secret perché la sorpresa fa già parte del divertimento. Al suo interno è possibile trovare un po’ di tutto: acchiappa-sogni, tatuaggi temporanei, braccialetti contro la nausea, libri per colorare e fumetti, ma anche impacchi e creme per viso oppure occhi.

sharing economy

In Francia i bambini si scambiano le protesi

Da Lames de joie arriva una soluzione contro il caro-protesi per i bambini. L’associazione francese ha lanciato un sistema di condivisione di lame di carbonio, come quelle degli atleti paralimpici. Grazie a questo servizio gratuito i ragazzini potranno usufruire di protesi già usate da qualcun altro prima di loro. Nel momento in cui risulteranno piccole ? vanno sostituite a ogni aumento di peso di nove chili ? verranno lasciate in eredità ad altri bambini. L’idea è nata dal dottor Frédéric Charlaté della Fondazione Hopale di Berck sur Mer e dal suo desiderio di creare un magazzino per il prestito delle protesi. Così l’associazione ha iniziato a raccogliere fondi per creare uno stock di lame di carbonio per la fascia d’età 6-16 anni. Info su lamesdejoie.com.

40