Marzo 2017

Visualizza la pagina 35 di SuperAbile Inail di Marzo 2017 in formato .pdf

Usa i tasti direzionali avanti e indietro della tastiera per sfogliare la rivista

Scarica la pagina in formato .pdf

Scarica l'intera rivista in formato .pdf

Scarica Adobe Reader per visualizzare le pagine in formato .pdf

TELEVISIONE

Ben e Trevor, un’amicizia speciale

A volte non serve apertura di mente e di cuore, ma tristezza, solitudine, depressione per incontrarsi e rimettere in moto la propria vita. È quello che accade nel film The fundamentals of caring , titolo disponibile sulla piattaforma online Netflix con la brutta traduzione italiana di Altruisti si diventa : un road movie sulle strade dell’America profonda, che racconta la toccante amicizia tra un caregiver quarantenne alla prima esperienza e un teenager affetto da distrofia muscolare di Douchenne che, nonostante una brillante intelligenza e uno spirito dissacratore, trascorre le sue giornate tappato in casa a guardare brutti programmi televisivi.

Fin dall’inizio del loro rapporto, però, è chiaro che entrambi portano sulle spalle un pesante fardello: Ben era uno scrittore, prima di vedersi morire sotto gli occhi il suo unico figlio investito da un’automobile, mentre Trevor vive da solo con la madre, dopo essere stato abbandonato dal padre a tre anni, età in cui ha ricevuto la diagnosi. Su entrambi, inoltre, grava l’ombra di un futuro tutt’altro che roseo: se Ben tenta in tutti i modi di eludere la richiesta di divorzio di sua moglie, Trevor sa che la sua vita non durerà a lungo e difficilmente riuscirà a superare la soglia dei 30 anni.

Scritto e diretto da Rob Burnett, noto soprattutto come produttore esecutivo del celebre David Letterman Show , il film è tratto dal terzo romanzo dello scrittore statunitense Jonathan Evison, The revised fundamentals of caregiving . L’autore, che nella sua vita ha svolto mille mestieri, tra cui appunto quello dell’operatore socio sanitario, ha dedicato il volume a Case Levenson, uno dei suoi pazienti affetto da distrofia muscolare di Douchenne. E questa esperienza, per sua stessa ammissione, ha costituito la fonte di ispirazione principale del romanzo.

Quella del rapporto assistente-assistito rappresenta, infatti, una delle possibili chiavi di lettura del film. Come emerge fin dalle prime scene, l’assistenza non riguarda solo le azioni di nutrire, vestire e pulire qualcuno, ma soprattutto l’abilità di portare avanti la complessa relazione tra chi fornisce e chi riceve le cure, senza lasciarsi prendere la mano dai sentimenti. La vita, però, non sempre si adatta alle regole e così, alla fine della storia, Ben abbandona il suo impiego e rinuncia alla tentazione di diventare per Trevor il padre che non ha avuto, facendo di lui il figlio che non ha potuto crescere. L’amicizia col ragazzo gli darà infine la forza di scrivere il suo terzo libro, partendo proprio da quello straordinario viaggio attraverso il cuore dell’America [A.P.]

Nella foto, i protagonisti del film statunitense Altruisti si diventa : Paul Rudd (Ben Benjamin), Craig Roberts (Trevor) e Selena Gomez (Dot). La pellicola, disponibile dallo scorso giugno sulla piattaforma Netflix, è stata presentata nel gennaio 2015 al Sundance Film Festival

Ballando con Tapia

È cominciata la corsa di Oney Tapia, medaglia d’argento nel lancio del disco alle Paralimpiadi di Rio 2016, sul palco di Ballando con le stelle .

Cubano, classe 1976, ex giocatore di baseball, giunto in Italia nel 2002 per diventare lanciatore nell’Old Rags Lodi, Oney è diventato cieco in seguito a un infortunio sul lavoro nel 2011, quando un tronco gli è caduto addosso durante la potatura. Assistito Inail, sostenuto da moglie e figli, Oney torna presto in campo come giocatore di goalball e torball e, nel 2013, si avvicina al mondo dell’atletica leggera paralimpica. Non è la prima volta che la celebre trasmissione televisiva di Milly Carlucci, giunta alla dodicesima edizione, ospita atleti disabili, come Nicole Orlando lo scorso anno e Giusy Versace, vincitrice dell’edizione 2014. L’atleta paralimpico è in gara con la ballerina svedese Veera Kinnunen; alla prima esibizione, il 25 febbraio, ha già conquistato il pubblico.

34