Media e salute mentale: per mettere ko i pregiudizi con la giusta comunicazione

Media e salute mentale: per mettere ko i pregiudizi con la giusta comunicazione

Approfondimenti

Le parole per dirlo, evento Rai su Media e Salute Mentale

03 luglio 2024

Roma- “Le parole per dirlo. Media e salute mentale” è il titolo dell’iniziativa formativa promossa da Rai Per la Sostenibilità-Esg e dalla Direzione Editoriale Offerta Informativa, in collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale Asl Roma 2 e con il supporto di Rai Academy.

L’evento, che si è svolto nei giorni scorsi nella sede Rai di Viale Mazzini con la partecipazione di oltre 60 giornaliste e giornalisti, è liberamente accessibile on line al link https://www.rai.it/ufficiostampa/assets/template/us-video.html?ssiPath=/video/2024/06/Le-parole-per-dirlo-Media-e-salute-mentale--71985e2f-0a35-4c23-90ce-9e5d8f7087c6-ssi.html

In una prima parte sono intervenuti gli psichiatri E. Caroppo e M. Cozza con la psicologa G. Gabriele del Dsm Asl Roma 2 affrontando le tematiche storiche, scientifiche, normative e organizzative della salute mentale in Italia. In una seconda parte le giornaliste specializzate, Laura Berti e Veronica Rossi, oltre a Gemma Calamandrei dell’Istituto superiore di sanità hanno affrontato le criticità correlate al rapporto media e salute mentale. Infine, il giornalista Michele Partipilo, esperto di deontologia professionale, ha evidenziato in particolare la validità in questo ambito del Testo Unico dei doveri del Giornalista.

“E’ motivo di grande soddisfazione- ha dichiarato Francesco Amato, commissario straordinario Asl Roma 2- aver contribuito con le nostre professionalità ad una importante iniziativa targata servizio pubblico”.

“In particolar- ha affermato Massimo Cozza, direttore del Dsm Asl Roma 2 “nella comunicazione è fondamentale il rispetto della persona, senza nessi automatici tra violenza e disturbo mentale, privo di validità scientifica”.

Torna alla navigazione interna