Diritto alla casa, locazione e recesso, agevolazioni per le persone con disabilità

Diritto alla casa, locazione e recesso, agevolazioni per le persone con disabilità. Focus degli esperti

Approfondimenti

Interno di una casa

01 giugno 2024

Roma- In Italia non esiste un diritto specifico alla casa per le persone con disabilità, ma esistono varie normative che possono facilitare l’accesso a un’abitazione adeguata.

Accesso agli alloggi popolari

Le persone con disabilità possono avere priorità nell'assegnazione di alloggi popolari, soprattutto se in condizioni economiche e sociali difficili. La condizione di invalidità certificata, la percentuale di riduzione lavorativa e la presenza di altri membri con disabilità nel nucleo familiare sono fattori che influenzano il posizionamento in graduatoria per l’assegnazione di questi alloggi.

Contratti di affitto

Non ci sono specifiche agevolazioni sul contratto di affitto per le persone con disabilità. La stipula e la gestione del contratto seguono le stesse procedure applicate a qualsiasi altro affittuario. Tuttavia, le persone con disabilità possono usufruire di detrazioni fiscali: fino a 495,80 euro se il reddito complessivo non supera i 15.493,71 euro e di 274,90 euro per redditi superiori a questa soglia ma inferiori a 30.987,41 euro.

Recesso dal contratto di affitto

Il recesso dal contratto di affitto da parte dell’affittuario con disabilità può essere comunicato in qualsiasi momento, con un preavviso di almeno sei mesi. Le motivazioni ammesse includono trasferimento lavorativo, perdita dell’occupazione, problematiche di salute proprie o dei familiari, e la nascita di un figlio che richiede un alloggio più grande. Il locatore, invece, può recedere dal contratto solo in situazioni specifiche, come la necessità di ristrutturazioni importanti, cambio di destinazione d'uso dell’immobile, o necessità di utilizzo da parte di familiari, (Idealista)

Agevolazioni per l'adeguamento dell’abitazione

Esistono finanziamenti e bonus per l’installazione di supporti e attrezzature per persone con disabilità, come montascale e porte automatiche, che possono essere molto utili per rendere l'abitazione più accessibile.

Conclusione

Sebbene non esista un diritto esplicito alla casa per le persone con disabilità, diverse misure e agevolazioni fiscali possono aiutare a facilitare l'accesso a un’abitazione adeguata e sicura. È importante consultare le normative locali e le risorse disponibili per ottenere il massimo supporto possibile.

Torna alla navigazione interna