La microchirurgia salva l’udito a due gemelline di 5 anni

La microchirurgia ha salvato l’udito di due gemelline dal colesteatoma gigante, una malattia infiammatoria rara e aggressiva che mangia ossa, nervi e tessuti dell’orecchio, che porta anche alla sordità

Approfondimenti

Due gemelle appena nate

06 gennaio 2024

PALIDORO - Siti specializzati rendono noto che due gemelline calabresi di 5 anni sono state sottoposte a un delicatissimo intervento all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, nella sede di Palidoro, vicino Roma. Le bambine sono state operate con successo dall’équipe guidata da Pasquale Marsella. 
Si stima che il colesteatoma colpisca circa 1 persona su 10.000. Ancor più rare le forme “giganti”, caratterizzate da grandi accumuli epiteliali, molto invasivi, che si sviluppano fin dai primi anni dell’infanzia, come nel caso delle gemelline.  
Il colesteatoma è caratterizzato dall’accumulo anomalo di pelle desquamata nell’orecchio medio, dietro il timpano. Questa massa di detriti epiteliali tende a espandersi nel tempo e a distruggere tutte le strutture che incontra: l’orecchio interno, il nervo facciale, le meningi, l’osso temporale del crani, fino a insinuarsi nel cervello, spiegano dall’ospedale della Santa Sede. 
I sintomi da tenere d’occhio sono quelli di un’otite cronica ricorrente: calo dell’udito, vertigini, dolore intenso e secrezione di pus dall’orecchio. Se non diagnosticata e non trattata chirurgicamente, avvertono i sanitari del Bambino Gesù, la malattia può causare sordità completa, paralisi facciale, meningiti e ascessi cerebrali. 
Le due gemelline avevano sviluppato all’orecchio destro una formazione epiteliale molto voluminosa e aggressiva che aveva ‘divorato’ diverse strutture interne arrivando fino alla fossa cranica posteriore. Confermata la diagnosi con una tomografia computerizzata, le bimbe sono state sottoposte a una delicata operazione per la rimozione radicale della massa. 
L’intervento è stato eseguito dall’équipe di Audiologia e Otochirurgia in un’unica sessione nella sede di Palidoro, sotto il controllo del microscopio operatorio (otomicrochirurgia). Per una delle bimbe è stato possibile anche ricostruire alcune delle strutture danneggiate, preservando così la capacità uditiva dell’orecchio. A pochi giorni dall’intervento le gemelline sono tornate a casa con la famiglia. 
Quello delle piccole è un caso particolare, ma non certo unico per l’ospedale pediatrico della Santa Sede: finora sono stati eseguiti oltre 6.000 interventi otomicrochirurgici, 2.000 dei quali per il trattamento del colesteatoma e delle sue complicanze. I bambini e i ragazzi con patologie dell’orecchio che arrivano ogni anno al Bambino Gesù per sottoporsi a interventi di alta complessità provengono da tutta Italia. 

Torna alla navigazione interna