Un anno di Leidaa. Tra gli animali salvati anche Swamy, la cagnolina lanciata da un'auto in corsa e rimasta disabile

Un anno pieno di iniziative in difesa degli animali

Approfondimenti

Primo piano di un cane

10 gennaio 2024

BOLOGNA - Un anno pieno di iniziative in difesa degli animali: tanti, tantissimi interventi sul territorio, sempre a tutela di chi non ha voce, in prima fila contro la piaga del randagismo, che colpisce particolarmente le Regioni del Sud; l'aiuto alle famiglie e agli animali dopo le alluvioni; la battaglia per salvare gli animali selvatici con i veterinari e i volontari del Cras, e per richiamare l'attenzione sul loro diritto alla vita e alla conservazione degli habitat; la grande campagna di tutela degli orsi e dei lupi, minacciati dalle delibere della Provincia di Trento. Sono solo alcune delle attività svolte dalla Lega Italiana Difesa Animali e Ambiente, l'associazione fondata e presieduta da Michela Vittoria Brambilla, nel 2023.

"All'attività di tutti i giorni- racconta Brambilla- appartengono i salvataggi di cani e gatti abbandonati, le staffette e le adozioni, l'aiuto a chi, per gravi ragioni, non può gestire i suoi animali da compagnia". Grazie alla dedizione dei volontari, Leidaa ha potuto raccontare tante storie come quella del cucciolo Cooper, ritrovato allo stremo delle forze a Carlentini (Siracusa); dei piccoli Bianchina e Grigetto, recuperati nelle campagne di Ragusa, sporchi, deperiti e spaventatissimi; del micio Freddy, cui qualche criminale ha dato fuoco alla coda, provocandogli gravi problemi all'intestino; della cagnolina Luna, tenuta per anni legata a un palo, a soffrire il freddo e le intemperie; della maremmana Swamy, lanciata per pura malvagità da un'auto in corsa e rimasta disabile; del cucciolo Orso e di Tessa, abbandonati all'angolo di una strada, senza cibo e riparo. Sono solo alcuni dei moltissimi cani e gatti che Leidaa ha recuperato da terribili situazioni di maltrattamento, abbandono e randagismo. 

Torna alla navigazione interna