L’assegno sociale per chi non ha maturato il diritto alla pensione da lavoro, ecco requisiti e redditi da considerare

Ecco quali sono requisiti e redditi da considerare in merito all’assegno sociale per chi non ha maturato il diritto alla pensione da lavoro

Approfondimenti

Donna firma un assegno

29 novembre 2023

L’assegno sociale, che dal 1° gennaio 1996 ha sostituito la pensione sociale, è una prestazione assistenziale prevista per tutti coloro che non hanno mai lavorato nel corso della vita e, di conseguenza, non hanno mai versato contributi previdenziali o, pur avendo lavorato, non hanno raggiunto il requisito contributivo minimo dei 20 anni per accedere alla pensione da lavoro. 

Per questi soggetti è previsto dunque un trattamento economico a tutela parziale delle esigenze in età avanzata, dal momento che spetta a partire dai 67 anni di età. 

Può essere richiesto da soggetti che risiedono in Italia, in particolare cittadini italiani, comunitari ed extracomunitari in possesso di permesso di soggiorno di lungo periodo. 

Per fare domanda occorre possedere i seguenti requisiti: 

  • età anagrafica pari ad almeno 67 anni; 

  • residenza in via continuativa nel territorio italiano per almeno 10 anni; 

  • reddito inferiore a 6.542,51 per le persone sole, che sale a 13.085,02 per le persone coniugate (si tratta di tetti fissati annualmente e, in questo caso, validi per il 2023). 

Per il 2023, l’importo dell’assegno sociale è stato fissato con la circolare Inps n. 135/2022 a 6.542,51 euro annui, che corrispondono a 13 mensilità da 503,27 euro l’una. 

Per l’attribuzione dell’assegno sociale Inps 2023, come ribadito anche nella Circolare n° 131 del 12-12-2022, si considerano tra gli altri, anche i redditi esenti da imposta come: le pensioni e gli assegni erogati agli invalidi civili, ai ciechi civili e ai sordi, la rendita Inail, gli assegni sociali dell’eventuale coniuge e le pensioni dirette erogate da Stati esteri. Non rientrano invece nel computo: l’indennità di accompagnamento, il reddito delle pensioni di guerra; il reddito della casa di abitazione. 

L’Assegno sociale Inps viene erogato su domanda degli interessati. Il pagamento decorre dal 1° giorno del mese successivo alla presentazione della domanda. La verifica del possesso dei requisiti socioeconomici e di residenza avviene annualmente. 

La domanda per l’assegno sociale deve essere presentata online all’Inps tramite Spid, Carta d’Identità Elettronica (Cie), Carta Nazionale dei Servizi, o servendosi dei patronati abilitati al servizio, come confermato nel Messaggio n. 3434 del 29-09-2023. 

Torna alla navigazione interna