Dalla Lombardia protesi tecniche alle persone con disabilità fisiche che svolgono attività amatoriali sportive

La Lombardia fornisce protesi tecniche alle persone con disabilità fisiche che svolgono attività amatoriali sportive, una misura per cui la Regione ha ottenuto un milione sui cinque complessivi disponibili per tutta Italia.

Approfondimenti

Protesi per pratica sportiva

26 luglio 2023

MILANO - Un provvedimento del welfare lombardo è stato illustrato dall'assessore al ramo, Guido Bertolaso, assieme al sottosegretario allo sport Lara Magoni, nel corso di una conferenza stampa. Il provvedimento riguarda la fornitura di protesi tecniche alle persone con disabilità fisiche che svolgono attività amatoriali sportive, una misura per cui la Lombardia- prima ad applicarla, ha sottolineato l'assessore- ha ottenuto un milione sui cinque complessivi disponibili per tutta Italia. 

Lara Magoni, sottosegretario alla presidenza con delega a Sport e Giovani , già campionessa professionistica di sci, ha ricordato di essere stata una ventina d'anni fa la prima maestra di sci per persone con disabilità avendo imparato a sciare con i loro ausili. "La nostra regione è pioniera nel garantire ausili" a chi soffre magari di schiena bifida o è paraplegico. L'idea è di estendere la fornitura anche a bambini piccolissimi, che frequentano le scuole elementari, esclusi da questa misura che parte dai 10 anni di età in avanti. "Non li vogliamo più vedere all'angolo- ha concluso Magoni- ma vogliamo che facciano sport, magari un giorno per diventare campioni paralimpici". 

Torna alla navigazione interna