SuperAbile






In Sportelli e Associazioni

Notizie


“Ascolta i miei passi”: così 100 detenuti di San Vittore “indossano” l’autismo

Il progetto promosso dall’associazione L’Ortica di Milano entra nel carcere di San Vittore: i detenuti indosseranno le scarpe di alcuni ragazzi con autismo e ascolteranno le loro storie, attraverso delle cuffie. Una “immersione” nell’autismo, che l’associazione sta proponendo in vari luoghi della città

22 novembre 2017

ROMA – “Prima di giudicare un uomo, cammina tre lune nelle sue scarpe”: prende spunto da questo proverbio Sioux il progetto “Ascolta i miei passi”, ideato e promosso dall’associazione L’Ortica, per far conoscere l’autismo, indossando un paio di scarpe e un paio di cuffie. Concretamente, il progetto consiste nel calzare le scarpe di un ragazzo con autismo e compiere un percorso, ascoltando in cuffia, tramite un file mp3, la storia di quel ragazzo, fatta di abitudini, passioni, difficoltà e anche “stranezze”. Dopo aver raggiunto diversi parchi e piazze della città, dal 27 novembre al 2 dicembre il progetto entrerà nel carcere di San Vittore: un ragazzo con autismo, insieme ai suoi accompagnatori, varcherà la soglia dell’istituto per incontrare un centinaio di detenuti (circa 20 per ogni reparto) che, indossate le sue scarpe, cammineranno in uno spazio appositamente allestito all’interno del carcere. E ascolteranno le storie in cuffia.
 
“Con le loro storie nelle orecchie e le loro scarpe ai piedi – spiega l’associazione -  i detenuti potranno entrare in contatto con una realtà, quella dell’autismo, conosciuta poco e da pochi. Un’occasione che vuole creare vicinanza e dialogo tra le persone con autismo e le persone detenute”.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati