SuperAbile






In Salute e ricerca

Notizie


Cure dentistiche gratuite per i più poveri. "Pronti con un ambulatorio"

A Bologna l’associazione Sokos raccoglie l’appello del vescovo. La storica associazione bolognese di medici volontari ha attrezzato un ambulatorio dentistico. Parte la ricerca dei fondi e dei volontari

27 luglio 2018

BOLOGNA – Il vescovo Matteo Zuppi lancia l’allarme, l’associazione di medici volontari Sokos risponde. Sempre più poveri a Bologna non riescono ad accedere alle cure mediche, ha ricordato pochi giorni fa Zuppi, e quella delle cure dentistiche è un’emergenza ormai conclamata. Il dato è stato intercettato dalla Curia bolognese, che ha attivato, attraverso la locale Fondazione San Petronio, una convenzione con l’associazione nazionale dei dentisti (Andi) al fine di rendere il servizio gratuito per gli indigenti. A rispondere al vescovo anche la storica associazione Sokos, attiva dal 1993 proprio allo scopo di fornire cure mediche di base e specialistiche a tutte le categorie meno abbienti. “Da qualche anno è ormai aumenta la domanda per l’assistenza dentistica – spiegano i medici volontari – C’è poca offerta sul territorio in tale senso e così ci siamo attivati attrezzando un piccolo ambulatorio con i macchinari necessari, però mancano ancora le risorse per avviare il progetto”.
 
“Noi – spiega Rosanna Sagripanti di Sokos - riceviamo il rimborso Ausl per le spese documentate e per i materiali, c’è il 5x1000 e nel caso i soci si autotassano, ma questo certamente non basta per completare l’attivazione dello studio dentistico”. Sokos, per tentare di far fronte all’ostacolo, ha recentemente preso parte ad un bando sull’innovazione sociale, lanciato a maggio dalla Regione e rivolto agli enti del Terzo Settore, per reperire i fondi necessari a portare a termine lo studio: “La nostra intenzione è di partire entro la fine di quest’anno, ma dobbiamo aspettare i risultati del bando. Per ora abbiamo individuato 2 o 3 dentisti disposti a venire come volontari, sarebbe bello riuscire a coinvolgerne di più”, commenta Sagripanti, che sottolinea il senso dell’operato dei medici volontari di Sokos: “Noi vogliamo lavorare per la salute della persona in senso ampio, non limitandoci alla cura momentanea della malattia”.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati