SuperAbile







Lavoro, in vigore le modifiche sull’assunzione delle persone disabili

Con l’inizio del nuovo anno è cessato il regime transitorio che finora aveva reso meno stringente l’obbligo di assunzione di persone disabile da parte di alcuni datori di lavoro. Ora le aziende fra i 15 e i 35 dipendenti devono avere un dipendente disabile assunto

2 gennaio 2017

ROMA – In vigore a tutti gli effetti, dal 1 gennaio 2017, la nuova normativa introdotta dal decreto legislativo 151/2015 che ha cambiato le regole sull’inserimento lavorativo delle persone con disabilità. D’ora in avanti chi occupa un numero di dipendenti prossimo alle 15 unità deve prestare particolare attenzione al raggiungimento di tale limite, perché è ormai cessato il regime transitorio introdotto dall' art.3, comma 2 della legge 68/1999, che consentiva un'applicazione graduale degli obblighi di assunzione delle persone disabili da parte di datori di lavoro esclusi dal collocamento obbligatorio dalla legge 482/1968.
 
Dal 2017, i datori di lavoro pubblici e privati sono tenuti ad avere alle loro dipendenze lavoratori appartenenti alle categorie protette nella seguente misura: 7% dei lavoratori occupati, se occupano più di 50 dipendenti; due lavoratori, se occupano da 36 a 50 dipendenti; un lavoratore, se occupano da 15 a 35 dipendenti.

 

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati