SuperAbile







Disposizioni integrative e correttive al Decreto Legislativo 13 aprile 2017 n. 66

Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri sulle disposizioni integrative e correttive al Decreto Legislativo 13 aprile 2017 n. 66, recante "Norme per la promozione dell'inclusione scolastica degli studenti con disabilità, a norma dell'articolo 1, commi 180 e 181, lettera c), della Legge 13 luglio 2015 n. 107".

27 maggio 2019

Su proposta del Ministro dell'istruzione, il Consiglio dei Ministri ha approvato, il 20 maggio 2019 in esame preliminare, il Decreto Legislativo che, a norma dell'articolo 1, comma 184, della Legge 13 luglio 2015 n. 107, introduce disposizioni integrative e correttive al Decreto Legislativo 13 aprile 2017 n. 66.
La nuova disposizione assicura una maggiore partecipazione dei portatori di interessi nelle decisioni concernenti le misure educative a favore degli alunni con disabilità e garantisce alle istituzioni scolastiche un significativo supporto nella realizzazione di adeguati processi di inclusione, anche attraverso la previsione di opportune misure di accompagnamento delle istituzioni scolastiche in relazione alle modalità di inclusione degli alunni con disabilità.
L'articolo 1 comma 1138 della Legge 30 dicembre 2018 n. 145 (Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019/21), ha prorogato al primo di settembre 2019 (invece del primo di gennaio 2019) l'entrata in vigore di alcune disposizioni del suddetto Decreto Legislativo 66/17.

Completati i passaggi parlamentari, la nuova inclusione scolastica debutterà formalmente il primo di settembre 2019 con il nuovo sistema di accertamento e di certificazione, che ha ripreso il lavoro fatto dall'Osservatorio sulla disabilità e oggi linea di azione 1 del Programma di azione biennale per la promozione dei diritti e l'integrazione delle persone con disabilità e anche il nuovo Piano Educativo Individualizzato (PEI).
Sempre dal primo di settembre 2019, entrerà in vigore la norma che affida all'unità di valutazione multidisciplinare la redazione del Profilo di funzionamento che sostituirà la diagnosi funzionale e il profilo dinamico-funzionale. Anche la costituzione presso ogni ambito territoriale del gruppo per l'inclusione territoriale (GIT), non avrà più le funzioni previste dal Decreto Legislativo 66/17, ma un compito di supporto alle scuole, sia in termini di strumenti che di strategie efficaci per l'inclusione. Per le ore di sostegno e il Piano Educativo Individualizzato quindi, ci saranno dei gruppi di docenti esperti nell'inclusione come in passato quelli che si chiamavano GLHO, a disposizione delle scuole per supportarle in tutti i passaggi e per svolgere attività di formazione e miglioramento dei processi di inclusione.

Per ulteriori informazioni, cliccare su:
Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri

Altri riferimenti:
Profilo di Funzionamento

Progetto individuale

Piano Educativo Individualizzato (PEI)

Gruppi per l'Inclusione Territoriale (GIT)

Fonte: Sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Immagine tratta da Pixabay.com/

di Antonello Giovarruscio

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati