SuperAbile







Sentenza TAR contro le "classi pollaio"

Il Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) della Toscana ha annullato la composizione della prima classe di un liceo, in quanto costituita da venticinque alunni di cui più di uno con disabilità.

3 ottobre 2018

Con la Sentenza del 12 settembre 2018 n. 1173 in allegato, il Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) della Toscana ha dato ragione ai genitori di una minore e ha sdoppiato una prima classe di un liceo costituita da 25 alunni, in violazione dell'art. 4 e 5 comma 2 del DPR 20 marzo 2009 n. 81, che fissano a 20, massimo 22, il tetto legittimo insuperabile di una prima classe frequentata da alunni con disabilità.
Con un provvedimento del giugno 2018, il Dirigente scolastico di un Istituto comprensivo aveva comunicato che la classe prima dove sarebbe stata inserita l'alunna, era composta da 25 alunni di cui due in situazione di gravità ai sensi della L. 104/1992 art. 3, comma 3.

I genitori dopo aver presentato il ricorso e dopo l'udienza sospensiva, hanno ottenuto in tempo utile per l'inizio dell'anno scolastico 2018/19, lo sdoppiamento in due classi da 12 e 13 alunni. La motivazione della sentenza del TAR si fonda su quanto stabilito in materia dalla Costituzione, dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità e dalla Sentenza 22 febbraio 2010 n. 80 della Corte Costituzionale, secondo la quale il nucleo indefettibile del diritto allo studio degli alunni con disabilità non può essere violato neppure per motivi di risparmi di bilancio. Il pronunciamento del TAR della Toscana quindi, si è rivolto contro le cosiddette "classi pollaio" come già avvenuto in passato in altre Regioni.

Fonte: Giustizia Amministrativa

Immagine tratta da Pixabay.com/

di Antonello Giovarruscio

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati