Dicembre 2018

Visualizza la pagina 10 di SuperAbile Inail di Dicembre 2018 in formato .pdf

Usa i tasti direzionali avanti e indietro della tastiera per sfogliare la rivista

Scarica la pagina in formato .pdf

Scarica l'intera rivista in formato .pdf

Scarica Adobe Reader per visualizzare le pagine in formato .pdf

TURISMO

“Adagio tour”, il bello di fare una vacanza in crociera

Tutto il bello di poter fare una vacanza in crociera completamente accessibile. Grazie agli “Adagio tour”, percorsi realizzati nell’ambito del progetto “Wat-Women accessibility tourism” da Costa Crociere, Costa Crociere Foundation e Aism (Associazione italiana sclerosi multipla). Da gennaio 2019, per le crociere nel Mediterraneo della Costa Diadema sarà possibile prenotare, in ogni porto di scalo, almeno un’escursione a terra accessibile alle persone con disabilità motorie. Nel corso del progetto “Wat” sono stati studiati, testati e verificati itinerari accessibili grazie al contributo di 15 donne con sclerosi multipla, formate da Aism. Dal 2000 l’associazione è entrata nel mondo del turismo: oggi ha strutture accessibili in quattro regioni italiane.

ONLINE

Quei sentieri naturalistici in Braille sparsi per il mondo, raccolti in un sito web

Anche le persone cieche possono esplorare, toccare e abbracciare la natura. Un sito web americano, naturefortheblind.com, e una community su Facebook che porta lo stesso nome, raccolgono oltre 200 percorsi all’aperto fruibili anche dalle persone non vedenti e alcuni giardini sensoriali sparsi in 35 Paesi di tutto il mondo, dall’Australia al Canada passando per India, Sudafrica e Italia. Fondamentali la volontà e l’impulso di Evan Barnard, un giovane che collabora con il Georgia Council of the blind. Da sempre appassionato di natura, ha iniziato a lavorare con la comunità ipovedente Usa all’età di dodici anni, nel 2010, quando aiutò a risistemare la Marshall Forest, i cui cartelli in Braille erano stati rubati. Per il nostro Paese il sito web americano segnala due itinerari accessibili, uno in Trentino Alto Adige e l’altro in Friuli Venezia Giulia: il primo all’interno del parco naturale Puez-Odle, partendo dal parcheggio della malga Zannes in Val di Funes, in provincia di Bolzano, mentre il secondo è il sentiero Pian dei Ciclamini dentro il parco naturale delle Prealpi Giulie, partendo dall’hotel Ai Ciclamini di Lusevera, in provincia di Udine. Entrambi sono percorribili anche dalle carrozzine.

HI TECH

Spe3D, il joystick per carrozzine elettriche che ne facilita la guida

Un joystick ergonomico personalizzato per facilitare chi ha una disabilità motoria nella guida della propria carrozzina elettrica. L’idea è partita dagli studenti del corso di Informatica medica (biennio 2016-18) della Fondazione Istituto Volta di Trieste (Area Science Park), che l’hanno realizzata nell’ambito del progetto “ITS 4.0”, promosso dal ministero dell’Istruzione in collaborazione con il dipartimento di Management dell’Università Ca’ Foscari di Venezia per creare un ponte tra scuola e impresa. Con la collaborazione di Damiano Detela, 29 anni, che si è prestato a testare per primo sulla sua carrozzina le innovazioni proposte dagli studenti, è nato Spe3D-App: due prototipi di joystick in stampa 3D e due applicazioni. «Sul mercato non esistono sistemi ergonomici personalizzati per pilotare carrozzine elettriche in grado di rispondere a disabilità così diverse tra loro», ha detto Marco Simonetti, responsabile del progetto.

Numeri allarmanti per le patologie neurologiche.

In Italia si registrano 150mila nuovi casi di ictus ogni anno e sono circa 800mila le persone sopravvissute rimaste invalide, 300mila i malati di Parkinson, 120mila coloro che sono colpiti da sclerosi multipla, 5 milioni le persone che soffrono di emicrania (soprattutto donne) e quasi un milione quelle affette da decadimento mentale. Nel nostro Paese, poi, si prevede una crescita delle malattie croniche legate all’età. È quanto emerso dal 49esimo Congresso nazionale della Società italiana di neurologia svoltosi a Roma.

11