Luglio 2018

Visualizza la pagina 28 di SuperAbile Inail di Luglio 2018 in formato .pdf

Usa i tasti direzionali avanti e indietro della tastiera per sfogliare la rivista

Scarica la pagina in formato .pdf

Scarica l'intera rivista in formato .pdf

Scarica Adobe Reader per visualizzare le pagine in formato .pdf

  - CONTINUA DA PAGINA 28

fortemente i miei movimenti e la mia autonomia, fino al 2011 quando sono riuscita a guarire – ricorda Carmensissi, oggi moglie, madre e progettista per una società di ingegneria meccanica –. Questa esperienza diretta della disabilità ha inciso molto sulla mia percezione dei problemi e ha rafforzato l’idea di realizzare il progetto».

L’occasione si presenta quando nel 2016 chiude i battenti il gestore che aveva in affitto il ristorante sul mare della famiglia Malferà. Quello stesso anno, in agosto, sul tratto di spiaggia libera a disposizione inaugura la stagione di prova di Malferà Beach, gestita dall’associazione ArtigianFamiglia. Il nome nasce, com’è ovvio, da spiaggia Malferà, dove i primi pescatori della famiglia si insediarono con le loro barche, acquistarono il terreno e negli anni Sessanta misero in piedi un ristorante e uno stabilimento balneare. «Oggi sul tratto di spiaggia libera sorge quello che chiamiamo un centro al mare multifunzionale, non un ghetto – precisa la presidente di Malferà Beach –, dove una persona con disabilità può stare sul mare, ma anche godere della bellezza del panorama insieme alla famiglia, agli altri ospiti e volontari dell’associazione, pranzare sulla terrazza e partecipare alle attività proposte nei laboratori, tutto gratuitamente».

Una scelta forte di autonomia, quella della famiglia Malferà, che ha deciso di rinunciare a finanziamenti e fondi pubblici, «in una terra così difficile come la Calabria, dove rimanere liberi e onesti è molto difficile», sottolinea Carmensissi. Quella in corso – considerando anche l’avvio di prova del 2016 – è la terza stagione per l’oasi di Prangi, aperta tutte le domeniche di luglio e ogni giorno in agosto solo ai volontari e a persone con disabilità insieme ai familiari, tramite prenotazione. Le opportunità sono quelle offerte da una spiaggia completamente attrezzata: parcheggio vicino alla battigia, accesso comodo con rampa, servizi igienici accessibili, uso di sedie job. Il centro – con cui si può prendere contatto anche attraverso le pagine Facebook Malferà Beach e ArtigianFamiglia – non effettua servizio di ristorazione o bar; è possibile però consumare il proprio pranzo nell’area pic-nic all’ombra, come anche usufruire di una piccola biblioteca e farsi coinvolgere da corsi e serate di intrattenimento. «La pulizia del tratto di spiaggia libera di cui usufruiamo viene svolta giornalmente dalla nostra associazione – puntualizza Malferà –, le bollette e le spese vive vengono sostenute grazie ai fondi raccolti con il cinque per mille. Ma accettiamo volentieri doni materiali di quello che serve, come già più volte è accaduto».

«Non si tratta solo della spiaggia attrezzata o della sedia speciale, che sono anche altrove», spiega Piervincenzo Panzarella, cliente di Malferà Beach e padre di Bruna, 26 anni, con una disabilità motoria fin dalla nascita. «Qui troviamo una grande umanità, sorrisi, semplicità, capacità di farsi coinvolgere anche da parte dei bagnanti che vivono la spiaggia libera di cui la struttura usufruisce. È grazie a questo carisma particolare, insieme a serietà e competenza, che mia figlia è riuscita a vincere la paura di entrare in acqua. Molte volte rischiamo di essere noi, come famiglia, a porre limiti e a proteggere troppo, senza accorgercene». Insomma, «tutto è superabile, se si ha la forza di non abbattersi», dice la ventenne Federica Caridà, responsabile dei giovani nell’associazione ArtigianFamiglia. «Come volontaria, a Malferà Beach mi occupo di tenere pulito e ordinato il centro, contribuisco ai laboratori per grandi e piccoli, aiuto gli ospiti presenti a raggiungere la spiaggia. Un’opportunità speciale, quella di offrire la sensazione di sentirsi liberi e autonomi».

Per saperne di più su Malferà Beach, si può visitare la pagina Facebook.com/Malferà-Beach-252462821619180

29