Luglio 2018

Visualizza la pagina 29 di SuperAbile Inail di Luglio 2018 in formato .pdf

Usa i tasti direzionali avanti e indietro della tastiera per sfogliare la rivista

Scarica la pagina in formato .pdf

Scarica l'intera rivista in formato .pdf

Scarica Adobe Reader per visualizzare le pagine in formato .pdf

TEMPO LIBERO Sotto l’ombrellone

Relax, mare (e libertà)

A Pizzo Calabro l’oasi su spiaggia libera ideata e realizzata dalla famiglia Malferà con le proprie forze. Uno spazio gratuito, aperto a persone disabili e non, familiari, volontari. Per stare insieme agli altri e imparare l’autonomia con tutti i servizi di uno stabilimento attrezzato. E qualcosa in più

Sara Mannocci

Una “casa al mare” completamente accessibile, aperta a chi ha bisogno, nel segno dell’accoglienza più autentica. Siamo in località Prangi – frazione di Pizzo Calabro, in provincia di Vibo Valentia – dove sorge Malferà Beach. Non uno stabilimento balneare, ma “un’oasi al mare”, gratuita, per le persone con disabilità e le loro famiglie, come la definisce Carmensissi Malferà, presidente dell’associazione ArtigianFamiglia, ente gestore della struttura. Una storia familiare intensa, cominciata più di dieci anni fa; un progetto frutto di dedizione personale, impegno, fiducia nella possibilità di migliorare la propria vita e quella degli altri.

«L’idea dell’universal design, come accessibilità e fruibilità degli spazi pubblici, pensando alle persone con disabilità, l’ho avuta fin dai tempi dell’università, alla facoltà di Architettura di Reggio Calabria – spiega Malferà –. Ho capito che questo era il mio obiettivo, insieme alla lotta per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Con i soldi di una borsa di studio, ottenuta durante il primo anno accademico, ho fondato nel 2006 l’associazione di volontariato ArtigianFamiglia». Comincia così il percorso di rigenerazione del territorio, con l’intento di coinvolgere i giovani con disabilità realizzando occasioni di incontro, laboratori creativi, clima di familiarità.

Il passo ulteriore verso il progetto di spiaggia completamente fruibile è in gran parte influenzato dalle circostanze e dalle prove che la vita pone davanti a ciascuno. «Nel 2007, appena un anno dopo la nascita dell’associazione, avevo poco più di 20 anni e mi sono ammalata gravemente a causa di un’infezione batterica che ha limitato

  - CONTINUA A PAGINA 29

28