Giugno 2018

Visualizza la pagina 6 di SuperAbile Inail di Giugno 2018 in formato .pdf

Usa i tasti direzionali avanti e indietro della tastiera per sfogliare la rivista

Scarica la pagina in formato .pdf

Scarica l'intera rivista in formato .pdf

Scarica Adobe Reader per visualizzare le pagine in formato .pdf

QUI EUROPA

Appello al Consiglio per servizi d’emergenza accessibili nella Ue

Poter chiedere aiuto è un diritto di tutti e anche le persone disabili devono avere la possibilità di rivolgersi ai servizi che gestiscono le chiamate d’emergenza: pertanto non può essere accolta la proposta del Consiglio d’Europa, che esclude questo tema dall’Accessibility act. La denuncia arriva da un gruppo di organizzazioni, tra cui l’European disability forum. Questo perché i requisiti di accessibilità ai servizi di risposta alle richieste di soccorso in caso di emergenza, i cosiddetti Public safety answering points, non sono stati inseriti nella relazione del Consiglio d’Europa sull’Accessibility act. Di qui l’appello delle associazioni: «Non ha senso chiedere ai produttori di smartphone e agli operatori di rete di supportare mezzi di comunicazione accessibili ai cittadini sordi e ciechi se i requisiti di universalità non vengono accolti dalle istituzioni della Ue». [Chiara Ludovisi]

MONDO INAIL

Film su sicurezza, lavoro e disabilità

Il grande schermo insegna. Si chiama “Lo spettacolo della sicurezza” ed è un progetto della Direzione regionale Inail Lombardia, realizzato insieme a Mic (Museo interattivo del cinema) e Fondazione cineteca italiana, per la diffusione nelle scuole della cultura della sicurezza e delle tutele sul lavoro attraverso le pellicole. È nata così una videoteca specializzata. «Tra gli argomenti trattati costantemente, c’è anche la disabilità. Lo scopo, infatti, è quello di fare integrazione in tema di occupazione e contrastare le discriminazioni professionali delle persone disabili», spiega Elvira Goglia, direttore regionale dell’Istituto. Per saperne di più: spettacolodellasicurezza.it.

ROMA

Il costo delle case famiglia

Quanto costa mettere in piedi una casa famiglia per disabili? Lo ha calcolato Casa al plurale, il coordinamento delle strutture per minori e persone con disabilità di Roma. Secondo un report aggiornato di recente, nel caso di bambini con disabilità complessa i costi annuali con cinque minori arrivano a 534mila euro. Per le persone con disabilità lieve, invece, la retta giornaliera è di 102 euro e le spese annuali sono di 455mila, mentre nelle case famiglia per persone con disabilità grave e in quelle per il “dopo di noi” (fino a otto ospiti) la retta è di 140 euro e la spesa annua è di oltre 576mila per le prime e di 394mila per le seconde. Costi dimezzati per chi vive in semiautonomia (fino a sei persone).

INCLUSIONE

Tikitaka, un anno d’impegno per scardinare i luoghi comuni

Arte, sport e divertimento per dire che la disabilità non è una “barriera” e che l’inclusione è possibile. È la scommessa lanciata un anno fa a Desio e Monza dal progetto “Tikitaka - Equiliberi di essere”, che traccia il suo bilancio fatto di calcio, basket, musica, danza, seminari pubblici, attività in piazza, nelle scuole e in collaborazione con le realtà commerciali.

Da questi “Lab” sono scaturiti alcuni “Fab”, espressione concreta ed evoluzione dei primi, che hanno reso protagonisti quasi 200 persone con disabilità, 68 operatori e oltre mille cittadini. Attivato anche un gruppo di formazione con gli assistenti sociali dei dieci Comuni aderenti alla rete. Info su progettotikitaka.com.

Nuovo record del mondo per Oney Tapia.

Con 45,65 metri nel lancio del disco, l’atleta non vedente delle Fiamme Azzurre, di origine cubana, entra nell’Olimpo dello sport paralimpico. Il nuovo record mondiale l’ha ottenuto a fine aprile a Chiuro, in Valtellina, in occasione dei Campionati regionali individuali, prima prova territoriale dei Campionati di società Fispes (Federazione italiana sport paralimpici e sperimentali). Già medaglia d’argento ai Giochi di Rio 2016, Tapia gareggia per la Omero Runners Bergamo. «A Tokyo ancora non penso: al momento voglio concentrarmi solo sugli allenamenti, che ogni giorno diventano sempre più difficili», ha detto il campione.

7