Giugno 2018

Visualizza la pagina 33 di SuperAbile Inail di Giugno 2018 in formato .pdf

Usa i tasti direzionali avanti e indietro della tastiera per sfogliare la rivista

Scarica la pagina in formato .pdf

Scarica l'intera rivista in formato .pdf

Scarica Adobe Reader per visualizzare le pagine in formato .pdf

CULTURA

Manuale per genitori alle prese con figli disabili e non

Nascere in una famiglia dove ci sono bambini disabili è un’esperienza ricca e complessa, che si snoda tra condivisione, responsabilità, paure e pericoli: prova a raccontarla lo psicologo e psicoterapeuta Andrea Dondi nel volume Siblings. Crescere fratelli e sorelle di bambini con disabilità (edizioni San Paolo). «Si tratta di un libro pensato soprattutto per i genitori: l’ho scritto in un’ottica divulgativa, per far sì che loro, i primi interlocutori, possano trovare informazioni utili e importanti. Si basa sulla mia esperienza ormai decennale di incontri con famiglie e siblings: mi piacerebbe che fosse un punto di arrivo di questo percorso, ma anche un punto di partenza», spiega l’autore, auspicando: «C’è bisogno di diffondere e ampliare la discussione sul tema, avviare molti progetti di sostegno in giro per l’Italia: ci sono zone ancora quasi totalmente scoperte e altre dove si potrebbe fare di più, in tanti territori». [L.B.]

LIBRI

Ritrovare la voce dopo un dolore

Hanns-Josef Ortheil
Il suono della vita
Keller 2018
544 pagine, 19 euro

Il protagonista del romanzo autobiografico Il suono della vita, di Hanns-Josef Ortheil (tradotto dal tedesco da Keller editore), è l’unico figlio sopravvissuto in una famiglia che ha perso gli altri figli durante e dopo la Seconda guerra mondiale. Sua madre diventa muta per il dolore e così cresce il piccolo senza parlare. Saranno il padre e l’amato pianoforte a farlo uscire da un ambiente materno troppo chiuso e protettivo. A contatto con la natura imparerà a percepire le immagini esterne e le impressioni con la massima cura, disegnandole e poi nominando le cose intorno con le parole.

La strada della musica si rivelerà un fallimento, ma Hanns-Josef troverà nelle parole scritte fin dai quaderni dell’infanzia il percorso che lo guiderà a rielaborare il passato fino a esprimersi in pienezza come scrittore: oggi 67enne, è uno dei più importanti autori tedeschi con centinaia di migliaia di copie vendute dei suoi romanzi, pluripremiati in Germania e tradotti in oltre 20 lingue. La parola scritta, dunque, si rivela catartica, capace di stravolgere barriere fisiche e sociali. [L.B.]

LIBRI

Leggere fa bene

Gabriella La Rovere
Pedagogia della lettura ad alta voce
Armando 2018
80 pagine, 8 euro

«Leggere per gli altri e` un atto d’amore, il donarsi incondizionatamente. Chi legge si mette a nudo, privo di ogni sovrastruttura culturale, libero dai condizionamenti che la vita sociale impone, ed e` questa veridicità che viene recepita dalle persone con disturbi cognitivo-comportamentali. La storia narrata può diventare un linguaggio comune, lo spazio neutro condiviso nel quale esprimersi». Lo racconta Gabriella La Rovere, medico, autrice teatrale e del blog Tuttaltrilibri, madre di una ragazza con disabilità, che nel 2010 ha proposto un laboratorio di lettura per giovani disabili di un centro diurno, suscitando stupore sia fra gli educatori sia tra i volontari di un circolo di lettura ad alta voce.

«Leggere negli ospedali o nelle carceri erano esperienze già note e vissute, ma ai disabili?» Una sfida raccontata in forma diaristica nel volume Pedagogia della lettura ad alta voce, edito da Armando con la prefazione di Gianluca Nicoletti, che annota: «La lettura dei romanzi scelti per intrattenere il suo pubblico sembra addirittura un pretesto per scrutare nelle loro anime, alla ricerca della radice del malessere». [L.B.]

LIBRI

Manuale per chi ha un disagio psichico

Renato Piccione, Gianluigi Di Cesare
Guida alla salute mentale
Alphabeta Verlag 2018
180 pagine, 14 euro

Nuova edizione completamente riveduta e aggiornata per la Guida alla salute mentale per la conoscenza delle cure e dei servizi edita da Alphabeta Verlag. Si rivolge in particolare alle persone che hanno vissuto e che vivono l’esperienza del disturbo mentale e ai loro familiari, nel tentativo «di contribuire ai programmi di prevenzione

  - CONTINUA A PAGINA 33

32