Giugno 2018

Visualizza la pagina 28 di SuperAbile Inail di Giugno 2018 in formato .pdf

Usa i tasti direzionali avanti e indietro della tastiera per sfogliare la rivista

Scarica la pagina in formato .pdf

Scarica l'intera rivista in formato .pdf

Scarica Adobe Reader per visualizzare le pagine in formato .pdf

  - CONTINUA DA PAGINA 28

della storia e del paesaggio in bicicletta rappresenta qualcosa di estremo, che dà l’opportunità di fare quello che si crederebbe impossibile. È importante, quindi, riuscire a comunicare bene i servizi di cui tutti possono usufruire».

Il grande valore del progetto – supportato anche da Fondazione Vodafone Italia, Fondazione Cassa di Risparmio di Modena con due enti locali (i Comuni di Montecreto e Riolunato), Fondazione Cariparma e Commissione europea – sta nel fatto che gli itinerari sono ben distribuiti sul territorio; così la persona interessata può scoprire di avere un percorso fattibile e sicuro, non lontano da casa. La mappa online, infatti, consente di selezionare il tipo di bicicletta che si possiede o che si vorrebbe provare, potendo così visualizzare la distribuzione degli itinerari disponibili e adeguati a quel mezzo specifico. Il singolo percorso, poi, offre una descrizione precisa di tipologia e livello di difficoltà, insieme a una scheda tecnica molto dettagliata.

«È consigliabile per tutti, in particolare per chi ha una mobilità ridotta, non avventurarsi mai a compiere un percorso da soli. Per questo abbiamo guide specializzate per accompagnare i ciclisti dall’inizio alla fine dell’itinerario – precisa Brusa – e sono disponibili, a noleggio, alcune handbike a pedalata assistita adatte a tutti i percorsi; basta prenotarle online. Stiamo ragionando anche sull’estendere il progetto a percorsi per trekking e nordic walking, in modo da ampliare sempre più il ventaglio di opportunità».

A Lodi il bike sarin non ha più limiti

Tre tricicli per adulti, una handbike, una cargo bike con pedalata assistita per il trasporto di carrozzine e tre biciclette normali: questo il “parco bici” offerto a Lodi da “BikeAbility”, primo progetto di bike sharing per persone con disabilità. L’iniziativa, messa in campo dalla cooperativa sociale Il Mosaico Servizi e dall’associazione Alah, è sostenuta dalla Fondazione Decathlon e consente alle persone con disabilità seguite dalla cooperativa di utilizzare queste bici speciali per spostarsi in città, accompagnate o affiancate dal personale educativo. Nei fine settimana, poi, le due ruote sono a disposizione di chiunque voglia usufruirne: basta noleggiarle. Un progetto aperto a tutti, in una cittadina con un’ampia rete di piste ciclabili e in gran parte pianeggiante. Info su ilmosaicoservizi.it e sulla rispettiva pagina Facebook. [S.M.]

Foto: Wok Photography

29