Maggio 2018

Visualizza la pagina 34 di SuperAbile Inail di Maggio 2018 in formato .pdf

Usa i tasti direzionali avanti e indietro della tastiera per sfogliare la rivista

Scarica la pagina in formato .pdf

Scarica l'intera rivista in formato .pdf

Scarica Adobe Reader per visualizzare le pagine in formato .pdf

TELEVISIONE

Superare la disabilità in dodici mesi

Toccare le corde dei sentimenti, anche di una fin troppo facile emotività “di pancia”. Fra una ragazza che decide di sottoporsi a un bypass gastrico ai genitori che attendono il figlio adottivo, ecco Sabri Bedzeti: a 15 anni un incidente stradale gli ha portato via una gamba e ha avuto problemi a indossare la protesi, quindi si muove con le stampelle. Ma grazie a nuovo ausilio torna a camminare; nel frattempo è diventato un giocatore della Nazionale di basket in carrozzina e sta per avere un figlio dalla fidanzata Erika. Si è raccontato nel programma Da qui a un anno, dal 30 marzo in prima serata su Real Time, condotto da Serena Rossi, attrice di professione. Lo show presenta le storie di persone che si impegnano a raggiungere un determinato obiettivo in questo lasso di tempo. Lo stile narrativo è quello del “viaggio nel tempo”: infatti l’empatica conduttrice fa attraversare ai protagonisti le porte presenti in studio, e mentre per il pubblico saranno passati pochi secondi, per loro saranno trascorsi dodici mesi.

I protagonisti riferiscono se il loro sogno si è realizzato: non sempre, infatti, è previsto il lieto fine, quasi scontato. Ma senza scavo psicologico né grandi drammi: le storie vengono narrate in pochi minuti, prima e dopo la realizzazione del proprio obiettivo, con inserti di girato in flashback per ricostruire sommariamente le tappe che hanno scandito i mesi trascorsi. Si passa da vicende dolorose e drammatiche, come quelle di chi è nato sordo, ad altre più leggere e quasi comiche, con un registro volutamente altalenante; le persone con disabilità restano soprattutto nel primo ambito, pur privilegiando l’esito positivo: il tentativo è forse quello di “sdoganare” l’immagine di uomini e donne che hanno problemi e sogni come tutti gli altri, in una normalizzazione talvolta incline al buonismo. Ma la velocità con cui si susseguono le storie non lascia neppure spazio alla lacrima facile: lo spettacolo deve continuare. [Laura Badaracchi]

Versione italiana del format britannico This Time Next Year, il programma Da qui a un anno va in onda dal 30 marzo in prima serata su Real Time (canale 31).
Si possono seguire le storie nel daytime Da qui a un anno extra, alle 20,40 dal lunedì al venerdì. Tutte le puntate su dplay.com e approfondimenti su realtime.it.

Rosa (India Dassie), nuovo giovane volto della fiction Questo nostro amore 80

Un po’ permalosa, buffa, impacciata, vittima a volte di qualche commento inopportuno per via della sindrome di Down, con un padre che all’inizio fa fatica a rapportarsi con lei e di cui ripete spesso le parolacce. Ma tutti le vogliono un gran bene. Nella fiction Rai più vintage del momento e appena conclusa, Questo nostro amore 80, India Dassie (a fianco con Manuela Ventura, che ne interpreta la madre; foto di Maria Vernetti) interpreta Rosa Strano, l’ultima nata in casa della famiglia siciliana trasferita da anni a Torino, imparentata con i Costa-Ferraris (Neri Marcorè e Anna Valle) e figlie. Nella vita reale ha 13 anni, è di Cascina Costa, frazione del comune di Samarate in provincia di Varese, ed è alla sua prima esperienza televisiva. Frequenta gli scout, ma gravita anche intorno alle associazioni +Di 21 onlus di Cassano Manago e I buffoni di corte di Torino. «Quello che mi piace di più è giocare e stare con gli amici anche se, a volte, faccio qualche marachella dice . È stato bello recitare, ho fatto tante risate. Se ci sarà una quarta serie, la farei volentieri». [M.T.]

35