Ottobre 2017

Visualizza la pagina 38 di SuperAbile Inail di Ottobre 2017 in formato .pdf

Usa i tasti direzionali avanti e indietro della tastiera per sfogliare la rivista

Scarica la pagina in formato .pdf

Scarica l'intera rivista in formato .pdf

Scarica Adobe Reader per visualizzare le pagine in formato .pdf

L’ESPERTO RISPONDE Numero verde 800/810810

Lavoro

Il mio quesito riguarda i tre giorni di permesso retribuito cui ha diritto il genitore di un bambino in condizione di grave disabilità. Io sono una dipendente pubblica, mentre mio marito è dipendente di una ditta privata. Fino a oggi solo mio marito ha usato i tre giorni di permesso della legge 104, poiché pensavamo che uno solo dei due ne avesse diritto. Adesso anch’io ho presentato la domanda, ma è sorto questo dubbio: possiamo usare i tre giorni alternativamente (un giorno io e due lui), oppure i giorni sono tre per ciascuno (tre giorni io e tre giorni lui)?

L’art. 24 della legge 4 novembre 2010 n. 183 ha modificato l’art. 33 comma 3 della legge 104/92, introducendo il principio del referente unico per l’assistenza della persona con disabilità. Secondo questo principio, il diritto alla fruizione dei permessi previsti dall’art. 33 della legge 104/92, per assistere il familiare in condizione di disabilità grave, può essere riconosciuto a un solo lavoratore, per assistere la stessa persona disabile.

L’art. 24 della legge n. 183/2010 contiene elementi di flessibilità e prevede una deroga per i genitori laddove precisa che «per l’assistenza allo stesso figlio con handicap in situazione di gravità, il diritto è riconosciuto a entrambi i genitori, anche adottivi, che possono fruirne alternativamente».

Le circolari Inps n. 155 del 3 dicembre 2010, Inpdap n. 1 del 14 febbraio 2011 e Dipartimento Funzione pubblica n. 13 del 6 dicembre 2010 chiariscono l’indirizzo in merito alla legge n. 183/2010 e motivano questa deroga in considerazione del particolare ruolo che rivestono i genitori rispetto agli altri familiari aventi diritto. Pertanto i genitori possono alternarsi nella fruizione dei tre giorni di permesso mensile. Ciò consente ai genitori di richiedere, per esempio, la ripartizione nello stesso mese di due giorni al padre e uno alla madre, fruibili anche continuativamente. Il limite resta quello dei tre giorni al mese.

In definitiva, se i due genitori usufruiscono dei permessi, i giorni di permesso non diventano sei al mese, ma restano comunque solo tre.

Agevolazioni fiscali

Ho una grave disabilità e vivo a Perugia. Devo comprare un computer: posso presentare soltanto il verbale della mia invalidità per avere lo sconto dell’Iva sull’acquisto? Mi è stato richiesto anche il verbale della legge 104: sono obbligato a presentarlo al rivenditore?

Alle persone con menomazioni permanenti di natura motoria, visiva, uditiva o del linguaggio spettano alcune agevolazioni per i sussidi tecnici informatici. Lei afferma di essere disabile, ma non specifica la sua patologia, che deve rientrare in una fra quelle citate (non è prevista la disabilità intellettiva e psichica). L’Iva agevolata al 4% si applica ai sussidi tecnici e informatici rivolti a facilitare l’autosufficienza e l’integrazione delle persone con disabilità indicate nell’art. 3 della legge 104/92 (comma 1 e 3). Rientrano nel beneficio le apparecchiature e i dispositivi basati su tecnologie meccaniche, elettroniche o informatiche, sia di comune reperibilità sia appositamente fabbricati. Può rientrare certamente nell’agevolazione l’acquisto di un computer, un tablet, un modem, un telefono a viva voce, eccetera.

Per fruire dell’Iva ridotta, al momento dell’acquisto, come riporta la Guida alle agevolazioni fiscali per i disabili dell’Agenzia delle Entrate, bisogna consegnare solo due documenti al venditore: copia del certificato, rilasciato dalla competente Asl, attestante l’esistenza di un’invalidità funzionale rientrante tra le quattro forme ammesse sopra citate, nonché il carattere permanente della stessa, e una specifica prescrizione autorizzativa rilasciata dal medico specialista della Asl dalla quale risulti il collegamento funzionale tra la menomazione e il sussidio tecnico e informatico. I disabili, riconosciuti tali ai sensi dell’art. 3 della legge 104/92, possono comunque autocertificare le proprie condizioni facendo riferimento a precedenti accertamenti sanitari effettuati da organi abilitati all’accertamento di invalidità.

39