Giugno 2017

Visualizza la pagina 39 di SuperAbile Inail di Giugno 2017 in formato .pdf

Usa i tasti direzionali avanti e indietro della tastiera per sfogliare la rivista

Scarica la pagina in formato .pdf

Scarica l'intera rivista in formato .pdf

Scarica Adobe Reader per visualizzare le pagine in formato .pdf

RUBRICHE Senza barriere

Musei da toccare: progetti di accessibilità a Roma Capitale

Si moltiplicano i percorsi tattili e sonori per fruire l’arte attraverso le esperienze sensoriali: l’impegno dell’amministrazione capitolina per aprire le più belle esposizioni museali anche a ciechi e ipovedenti

Francesca Tulli

Si consolida l’impegno dell’amministrazione capitolina e dei servizi museali di Zètema Progetto Cultura a favore delle persone con limitazioni visive, proponendo all’interno dei Musei civici di Roma percorsi tattili e sonori dedicati. Partiamo dal progetto "Art for the blind" all’interno del Museo dell’Ara Pacis. I visitatori con limitazioni visive hanno l’opportunità di toccare una parte dell’altare, un modello del monumento e dei calchi delle teste della famiglia imperiale. Elemento innovativo è il cosiddetto anello, un dispositivo in grado di riconoscere gli speciali sensori applicati alle opere e di attivare così le relative informazioni audio. I sensori sono contrassegnati da un numero in alfabeto Braille, corrispondente alla numerazione presente sulla mappa in dotazione al visitatore. Il museo fornisce inoltre un tablet su cui è installata un’applicazione ideata per il progetto e collegata all’anello. Inoltre, è disponibile una mappa tattile, il Thermoform, che riproduce la disposizione delle opere e degli altri ostacoli fisici presenti all’interno della struttura. Info: arapacis.it.

Spostandoci ai Musei Capitolini, invece, segnaliamo la possibilità di avvicinarsi all’architettura tramite ausili tiflodidattici, quali plastici in scala degli edifici della piazza michelangiolesca, riproduzioni di statue, pannelli tattili termoformati in rilievo e linguaggio Braille, libri in nero e in Braille su alcune opere della collezione. Inoltre, in partnership con l’Associazione Museum onlus sono stati riprodotti su pannelli termoformati alcuni quadri della Pinacoteca Capitolina di Garofalo, Caravaggio, Rubens. Infine, in occasione di eventi espositivi i Musei Capitolini propongono visite guidate tattili al pubblico con disabilità visiva. Info: museicapitolini.org.

Da sempre attento alle esigenze del pubblico con disabilità è anche il Museo di Roma, ospitato a Palazzo Braschi. Da circa due anni, nell’ambito del progetto "Musei da toccare", sono organizzate visite guidate per non vedenti che permettono di vivere l’esperienza sensoriale tattile di una decina di oggetti esposti nelle sale. Congiuntamente, lungo il percorso museale, il visitatore non vedente può accedere alle informazioni relative a dieci delle opere più rappresentative della collezione attraverso altrettante didascalie in Braille e per ipovedenti, posizionate accanto alle opere stesse. Info: museodiroma.it.

Concludiamo con i servizi e i progetti del Museo dei Fori imperiali nei Mercati di Traiano, dove dieci opere si possono toccare, insieme a tre tipi di cortine laterizie corrispondenti a diverse fasi storiche del monumento. Volontari del servizio civile accompagnano il pubblico con limitazioni visive durante la visita tattile; in occasione di mostre, invece, le esplorazioni con le mani di alcune opere selezionate sono effettuate dagli stessi curatori dell’evento.

Infine, sempre ai Mercati di Traiano, il progetto "ArcheoSchool" dell’Istituto professionale di Stato per i servizi commerciali e turistici "Luigi Einaudi" di Roma, condiviso con la Sovrintendenza capitolina ai Beni culturali, ha permesso di realizzare testi informativi, un video pannello introduttivo e un totem contenente piante termoformate e didascalie in Braille.

Info: mercatiditraiano.it.

38