Aprile 2017

Visualizza la pagina 13 di SuperAbile Inail di Aprile 2017 in formato .pdf

Usa i tasti direzionali avanti e indietro della tastiera per sfogliare la rivista

Scarica la pagina in formato .pdf

Scarica l'intera rivista in formato .pdf

Scarica Adobe Reader per visualizzare le pagine in formato .pdf

L’INCHIESTA Il viaggio di Tommy

 - CONTINUA DA PAGINA 11

un grado molto basso di autodeterminazione. Ed è proprio sulla realtà di quelli come lui che punta i riflettori il documentario. «Se non andavo a cercarli io, chi li raccontava questi ragazzi? ? si chiede Nicoletti ?. Se alcuni di quei figli avessero avuto un trattamento adeguato, una vera inclusione, oggi non sarebbero dentro casa a guardare il muro, farebbero delle cose magari. Questo è l’aspetto propositivo del film: ti faccio vedere cosa possono diventare gli autistici se non si lavora nella maniera corretta. Anche Tommy farebbe quella fine se un domani io e mia moglie mollassimo».

«Se i soggetti con Asperger piacciono tanto agli editori è perché interessano in primo luogo agli scrittori», commenta Sante Bandirali, direttore editoriale di Uovonero, casa editrice specializzata nell’autismo che nei suoi sette anni di vita ha pubblicato, fra gli altri, quattro romanzi e cinque volumi di saggistica divulgativa, oltre a una serie di albi illustrati scritti con il metodo della comunicazione aumentativa alternativa, e quindi accessibili a ragazzi autistici o con altre difficoltà cognitive. «Ciascuno ha dei tratti unici e individuali che rendono ogni personaggio diverso dall’altro ? nota Bandirali ?. Nello stesso tempo l’autismo ad alto funzionamento ci porta a interrogarci su questioni come quella della comunicazione e delle relazioni con gli altri che riguardano qualsiasi persona: tutti noi siamo dovuti passare per la scoperta delle regole non scritte dell’interazione sociale, e non è stato un passaggio indolore».

 - CONTINUA A PAGINA 13

 

Madri, padri e figli.Gli ultimi titoli in libreria

S’intitola Una bambina di nome Iris Grace l’ultimo volume pubblicato da Tea, la casa editrice di libri economici del Gruppo editoriale Mauri Spagnol. Scritto dalla fotografa inglese Arabella Carter-Johnson, il libro racconta la storia vera della piccola Iris Grace che, all’età di poco più di un anno, riceve una diagnosi di autismo severo. Grazie all’ostinazione della madre e all’arrivo della gattina Thula, la bambina comincia a comunicare e a dipingere, dimostrando uno sguardo unico sulla natura e sulle cose. E del rapporto madre-figlio tratta anche Francesco che arrivò un giorno d’inverno, libro pubblicato dalle edizioni Terra Santa e firmato da Maia Consonni, uno pseudonimo collettivo dietro il quale si celano tre operatrici della Fondazione Sacra famiglia, struttura impegnata da oltre un secolo nella cura di persone con disabilità gravi e gravissime. Corri con me, infine, scritto da Giovanni Berti per le Edizioni Beccogiallo, racconta la storia di Alessandro, un bambino con sindrome di Asperger, e di suo padre Giovanni, farmacista e grande appassionato di corsa. Sarà proprio l’abitudine di correre fianco a fianco a creare uno spiraglio di comunicazione tra padre e figlio, dando a Giovanni il coraggio per realizzare il sogno di una vita: partecipare a una vera maratona. [A.P.]

12