Dicembre 2013

Visualizza la pagina 27 di SuperAbile Inail di Dicembre 2013 in formato .pdf

Usa i tasti direzionali avanti e indietro della tastiera per sfogliare la rivista

Scarica la pagina in formato .pdf

Scarica l'intera rivista in formato .pdf

Scarica Adobe Reader per visualizzare le pagine in formato .pdf

INSUPERABILI Intervista a Clara Sereni

La trappola degli affetti

Dopo Manicomio primavera e Amore caro, la scrittrice torna con un racconto sul legame claustrofobico di una madre per la propria creatura. E mette in guardia i genitori: lasciate che i vostri figli abbiano degli spazi di autonomia

Antonella Patete

Scrittrice, editorialista, traduttrice e madre di Matteo, un giovane di 35 anni con problemi psichici, Clara Sereni non è una che ama la battuta a effetto né quella semplificazione che rappresenta la fortuna di tanto giornalismo nostrano. Tra le prime scrittrici (e scrittori) del nostro Paese a mettere la disabilità al centro delle sue opere, ha colpito in passato per l’originalità di due volumi come Manicomio primavera e Amore caro. Il primo, una selezione di storie di donne che si trovano a fare i conti con la “anormalità” propria o altrui. Il secondo, una raccolta di lettere che alcuni personaggi del mondo dello spettacolo, del giornalismo e della politica rivolgono ai loro fratelli, sorelle, figli disabili. Nelle ultime settimane la scrittrice è tornata con un racconto sulla disabilità intitolato La mia creatura, pubblicato in formato e-book per Il Corriere della sera. E ancora una volta il tema dominante è quello degli affetti familiari, che qui

26