Sindrome di Down, si chiude l'evento internazionale ma continua il percorso a sostegno delle famiglie

Sindrome di Down, si chiude l'evento internazionale ma continua il percorso a sostegno delle famiglie

Approfondimenti

13-06-NOTIZIA-2.jpg

13 giugno 2024

Roma- Si è conclusa, nei giorni scorsi, - come fanno sapere in una nota gli organizzatori- la 5th Trisomy 21 Research Society International Conference, che per la prima volta si è svolta a Roma. Quattro giornate molto partecipate, tra l'Università La Sapienza e il Centro Congressi La Nuvola, divise e condivise tra scienziati, studiosi, medici, professionisti, associazioni e famiglie. Tanti gli aspetti e i temi toccati, durante sezioni plenarie, simposi per ricercatori, presentazioni e workshop, oltre che momenti di incontro e confronto informali, durante i quali le associazioni e le famiglie hanno potuto presentarsi al mondo scientifico e accademico, condividendo e scambiando esperienze e competenze. I numeri dei partecipanti sono stati molto alti: oltre 500 medici e scienziati, più di 400 familiari, arrivati dall'Italia e dall'estero. 

AIDP, COORDOWN E ANFFAS INSIEME

Fondamentale il concorso delle associazioni al programma dedicato alle famiglie: Aipd ha fornito un importante contributo alla sua ideazione, realizzazione e gestione, insieme a Coordown e Anffas ed è stata presente nei tre giorni svolti alla Nuvola con il suo stand informativo, con i volontari che hanno accolto i partecipanti al desk e con interventi dedicati ai vari temi su cui è impegnata da sempre: affettività, lavoro, stili di vita. Tante le persone con sindrome di Down, giovani e adulte, che hanno preso la parola e portato la propria testimonianza sui temi affrontati. Tanti i familiari che sono intervenuti, per far sentire la propria voce e condividere il proprio vissuto, le difficoltà, le strategie, le preoccupazioni e le aspettative. 

“Essere protagonisti in una Conferenza Mondiale è una grande soddisfazione per l’Aipd – ha commentato il presidente nazionale Gianfranco Salbini – La nostra associazione ha sempre creduto nelle famiglie, perché l'Aipd è famiglia. Ha saputo ascoltare, da oltre 40 anni, i bisogni e gli obiettivi delle persone con sindrome di Down. Grazie alla T21 RS per aver incluso e coinvolto attivamente le associazioni all’interno di questa grande iniziativa. Siamo stati presenti all’iniziativa dal primo all’ultimo giorno: ora che si è conclusa, siamo più che mai convinti che sia necessario proseguire questo importante percorso condiviso tra associazioni e mondo scientifico, per fornire alle famiglie nuovi strumenti informativi e conoscitivi capaci di a migliorare le condizioni di vita delle persone con sindrome di Down. Continuiamo a lavorare insieme per fare la differenza: la conferenza mondiale si chiude, la sinergia continua!”

Torna alla navigazione interna