Diabete e insulina, una scoperta potrebbe cambiarne l’utilizzo

Una scoperta scientifica potrebbe cambiare il modo di usare l’insulina. Si tratta dell’insulina smart che si assume per bocca ed è frutto di uno studio pubblicato su Nature Nanotechnology

Approfondimenti

Cucchiaio di zucchero

02 aprile 2024

ROMA - Una scoperta scientifica potrebbe cambiare il modo di usare l’insulina. Il percorso di studi per consentire alle persone di avere cure sempre migliori, infatti, ha portato all’insulina smart, farmaco per il quale sono in corso test, per ora solo sugli animali, che si assume per bocca e che è frutto di uno studio pubblicato su Nature Nanotechnology. A chi soffre di patologie come il diabete, infatti, l’attenzione resta elevata. Il diabete è una patologia cronica che ha a che fare con una presenza di eccessivi livelli di glucosio nel sangue, detta iperglicemia. La causa è una quantità o funzione dell’insulina che subisce un’alterazione. Diversi i sintomi che possono indicare la presenza di questa patologia. Si va dalla stanchezza a un consistente aumento del volume delle urine, e soprattutto una forte sete. E poi ancora dolori addominali, problemi alla vista, la perdita di peso, nausea, vomito. Per questo, chi soffre di diabete sa che ogni giorno deve fare delle punture di insulina per monitorare i livelli di zuccheri nel sangue, e si usano aghi o microinfusori. Per quanto riguarda questa scoperta, l’insulina smart, gli esperti hanno spiegato di aver sintetizzato un rivestimento che protegge l’insulina dalla disgregazione da parte degli acidi gastrici durante il suo percorso attraverso il corpo umano, “mantenendola al sicuro fino a quando non raggiunge la sua destinazione, cioè il fegato “. È un metodo che risulta più preciso per assumere insulina, riesce a farla andare in circolo in modo molto più rapido in tutto l’organismo e nelle zone che la necessitano. E poi così diminuisce il pericolo di un abbassamento della glicemia. Attualmente i test sono eseguiti solo sugli animali, per quanto riguarda l’uomo, dovrebbero iniziare nel 2025.

Torna alla navigazione interna