Basket in carrozzina: Sassari contro Cantù e Giulianova contro Porto Potenza Picena le semifinali Scudetto

Basket in carrozzina: Sassari contro Cantù e Giulianova contro Porto Potenza Picena le semifinali Scudetto

Approfondimenti

Uomo in sedia a rotelle

02 marzo 2024

Sassari- Per il secondo anno consecutivo, le semifinali Scudetto di basket in carrozzina metteranno di fronte Dinamo Lab Banco di Sardegna e UnipolSai Briantea84 Cantù da una parte e S. Stefano Kos Group e Deco Metalferro Amicacci Abruzzo dall’altra. 

I quarti di finale, che si sono disputati sabato 24 febbraio, hanno confermato le ambizioni dei quattro club già protagonisti quest’anno della Final Four di Coppa Italia. 

Il confronto sulla carta più aperto sembrava quello del Palaserradimigni di Sassari, dove la Dinamo Lab ospitava l’SBS Montello, reduce da una sconfitta di 12 tutt’altro che definiva in ottica passaggio del turno: ma i sardi, nonostante il rientro in Italia tardivo dei due azzurri impegnati con la Nazionale in Colorado la scorsa settimana – Spanu e Ghione – dopo appena un quarto (vinto 21 a 8) avevano già arrotondato il vantaggio fino a spegnere definitivamente le speranze degli ospiti. Il centro olandese Bellers è protagonista con 18 punti e 9 rimbalzi e tutto il roster Dinamo va referto nel 76 a 46 finale. La partita ha quindi consacrato le ambizioni dei padroni di casa. 

I sardi saranno opposti in semifinale alla UnipolSai Briantea84 Cantù, che sul parquet di casa del PalaMeda ha vinto largamente 87 a 36 sul Crich Pdm Treviso, bissando il +40 dell’andata. Carossino sembra non risentire del fuso orario dopo la trasferta USA e segna 21 punti in 27 minuti, Berdun gli dà manforte con altri 16 punti e i canturini, dopo un primo tempo da 55 punti segnati, mettono in archivio una qualificazione già ampiamente sigillata due settimane fa. 

Dall’altra parte del tabellone, i campioni d’Italia in carica della Deco Metalferro Amicacci Abruzzo superano ancora la Farmacia Pellicanò Reggio Calabria 76 a 50. I calabresi tengono bene il campo soprattutto ad inizio match, ma alla lunga l’Amicacci viene fuori mettendo in definitiva sicurezza il +18 ottenuto in gara uno in trasferta. Il giovane australiano Brown si conferma fattore sempre più centrale negli equilibri offensivi della squadra Di Giusto e chiude gara due con altri 17 punti a referto. La semifinale con il S. Stefano Kos Group promette equilibrio: i marchigiani superano agevolmente la Menarini Firenze anche nel ritorno giocato a Porto Potenza Picena, confermandosi in crescita rispetto ad inizio stagione: nel 70 a 48 finale, doppia doppia dell’azzurro Bedzeti (21 punti e 10 rimbalzi), mentre dall’altra parte non bastano i 18 punti di Chakir per sperare di rimanere a contatto. “I ragazzi hanno offerto una buona prestazione, anche alla luce del fatto che molti di loro hanno affrontato la trasferta negli Stati Uniti per la Rocky Mountain Cup. Ora è importante continuare a lavorare e farci trovare preparati per le semifinali”, ha dichiarato il coach di S. Stefano Roberto Ceriscioli. 

Le semifinali Scudetto si disputeranno con serie al meglio delle tre partite: si parte già sabato prossimo 2 marzo, con i match in casa Dinamo e S. Stefano. Gara due dopo due settimane per lasciare spazio alle coppe europee per club, eventuale gara tre domenica 17 marzo. 

Torna alla navigazione interna