Al via a Rimini la seconda tranche di lavori per abbattere le barriere architettoniche e migliorare l’accessibilità

Al via a Rimini la seconda tranche di lavori per abbattere le barriere architettoniche e migliorare l’accessibilità per un totale di spesa di 90.000 euro

Approfondimenti

Sedia a rotelle davanti a una rampa di scale

24 novembre 2023

Rimini- Marciapiedi e percorsi pedonali sempre più accessibili e inclusivi a Rimini: sono stati approvati dalla giunta interventi dal valore di 90.000 euro per l'abbattimento di barriere architettoniche. Si tratta della seconda tranche di lavori che fanno parte di una programmazione più ampia e "hanno lo scopo- ha spiegato il Comune- di rendere più accessibili gli spazi cittadini e di connettere meglio le aree urbane, in particolare attraverso la realizzazione di rampe e scivoli". Le operazioni saranno affidate alla società Anthea e si concentreranno sulle segnalazioni pervenute agli uffici comunali riferite a marciapiedi e percorsi pedonali e alle analisi dello stato dei luoghi.

Il primo lotto dei lavori, in particolare, ha riguardato piazzale Cesare Zavattini, la via Emilia, via Toniolo e il parco Gianni Rodari. 

"L'obiettivo è quello di eliminare gli impedimenti fisici e di fruizione degli spazi alle persone con mobilità ridotta e che si muovono in carrozzina,- ha spiegato l'assessore ai Lavori pubblici, Mattia Morolli. -Un investimento che riteniamo prioritario perché la città sia davvero vivibile da tutti, senza discriminazioni". 

"Intorno a questo tema- ha aggiunto Morolli- abbiamo avviato un ragionamento da tempo: il Parco del Mare è un esempio di un luogo che coniuga l'estetica e le funzionalità con l'abbattimento delle barriere architettoniche: dalle rampe ai camminamenti, passando per le aree gioco per bambini. E poi ci sono tutti gli interventi della zona del V Peep, dove è stata messa a punto la riqualificazione delle rampe. Un focus particolare è stato posto anche sulle strutture sportive. A questo si aggiunge il polo scolastico di Viserba, mentre anche le aree verdi dei parchi sono state e saranno al centro di importanti interventi".

Torna alla navigazione interna