Notiziario del 10 Luglio 2024

Sicurezza sul lavoro, dall’Inail 14 milioni per finanziare progetti di formazione e informazione

Dall’Inail 14 milioni di euro per finanziare progetti di formazione e informazione sulla prevenzione di infortuni e malattie professionali

Roma- Quattordici milioni di euro per il finanziamento di progetti integrati di formazione e informazione finalizzati alla prevenzione di infortuni e malattie professionali, con particolare riguardo alle azioni di sensibilizzazione rispetto ai rischi nuovi ed emergenti. E' quanto mette a disposizione l'Inail attraverso il nuovo bando pubblicato in Gazzetta ufficiale. I fondi del nuovo avviso pubblico sono distribuiti su quattro ambiti tematici, a ciascuno dei quali è destinato uno stanziamento da tre milioni e mezzo di euro. Il primo riguarda le prospettive attuali e future di valutazione e azione rispetto alla prevenzione dei rischi psicosociali, il secondo il ruolo delle figure coinvolte nelle attività di prevenzione e tutela nell'ambito dei Percorsi per le competenze trasversali e l'orientamento (Pcto), il terzo i cambiamenti climatici e la sostenibilità ambientale e sociale, e il quarto il personale viaggiante nella logistica, dai rischi della nuova mobilità ai trasporti e agli spostamenti in itinere. Destinatari dei finanziamenti sono gli organismi paritetici e le organizzazioni sindacali nazionali dei datori di lavoro e dei lavoratori, che possono partecipare anche in forma aggregata e attraverso strutture formative o società di servizi. I progetti devono essere realizzati in almeno sei regioni o province autonome, rispettando i criteri specificati nell'avviso. L'importo finanziabile per ciascuna iniziativa è compreso tra 200mila e 800mila euro, che possono salire fino a 1.750.000 euro nel caso dei progetti presentati in forma aggregata.

 

Entro l’autunno mille nuovi assunti in Inail. Il bando sarà pubblicato venerdì

Entro l’autunno mille nuovi assunti in Inail. Il bando sarà pubblicato venerdì Roma- "Il 12 luglio verrà pubblicato un bando che prevede inizialmente l'assunzione di 577 unità di personale su vari ruoli professionali, cui faranno seguito altre 189 unità per il prossimo autunno. Quindi un numero piuttosto consistente di persone che daranno rinforzo alla nostra azione e che contribuiranno anche ad abbassare l'età media che negli ultimi tempi, causa il blocco del turn over, si era un po' alzata". Lo hanno annunciato Fabrizio D'Ascenzo, presidente Inail, e Marcello Fiori, dg, nel corso della di presentazione del nuovo bando Inail per la formazione e l’informazione in materia di sicurezza sul lavoro. "Aggiungo che un centinaio di nuovi assunti sono già entrati al primo luglio- ha proseguito D'Ascenzo- quindi siamo intorno al migliaio complessivamente di persone che entro il prossimo autunno entreranno in Istituto". “Qualcuno dice che ci sono pochi ispettori ma qualcuno dimentica che qualche governo fa erano stati cancellati. Grazie alla conversione del ‘decreto legge Agricoltura’ abbiamo ottenuto la possibilità di assumere. Inail assumerà 111 ispettori entro la fine dell’anno, Inps 400, ricostituendo così un organico di ispettori che serve, almeno, come deterrenza”, ha detto poi il direttore generale Fiori.

 

A Viggiano cala il sipario sulla V edizione del progetto “Nessuno escluso”

A Viggiano cala il sipario sulla V edizione del progetto “Nessuno escluso”

Viggiano- Da venerdì 5 a domenica 7 luglio la piscina comunale di Viggiano ha ospitato la V edizione del progetto “Nessuno escluso”, realizzato dall’Inail Basilicata in collaborazione con il Comitato italiano paralimpico e la Federazione italiana nuoto paralimpico regionale. Destinata agli infortunati vittime di infortuni gravi sul lavoro, la tre giorni ha coinvolto otto assistiti Inail con i loro accompagnatori che hanno avuto la possibilità di vivere momenti di intensa integrazione e di partecipazione sociale e relazionale. Un’occasione di avviamento alla pratica sportiva. Al di là della promozione della disciplina natatoria paralimpica e della sensibilizzazione alle tematiche della disabilità, l’iniziativa ha raggiunto con successo anche l’obiettivo dell’avvio di cinque partecipanti all’attività sportiva del nuoto paralimpico.

 

Neuropsichiatria infantile: verso un nuovo modello di continuità di cura centrato sulla persona e la sua famiglia

Neuropsichiatria infantile: verso un nuovo modello di continuità di cura centrato sulla persona e la sua famiglia

Roma- Un nuovo modello di transizione della cura di bambini e ragazzi con patologie neurologiche e psichiatriche nel passaggio dall’età evolutiva a quella adulta: questo il tema al centro del Congresso Nazionale “Continuare a curare: modelli di lavoro interdisciplinari per supportare il passaggio all’età adulta nelle patologie neurologiche e psichiatriche complesse”, che si è chiuso nei giorni scorsi a Pavia presso la Fondazione Mondino, Irccs Istituto Neurologico Nazionale, con il patrocinio della Società italiana di neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza (Sinpia), della Società italiana di neurologia (Sin), della Società italiana di pediatria (Sip), della Società italiana di psichiatria, dell’Università degli Studi di Pavia, della Lega italiana contro l’epilessia (Lice), dell’Associazione italiana di miologia, della Rete europea di malattie rare Ern (European rare-disease network) Epicare e di numerose associazioni di famiglie di malattie rare e complesse. L’evento formativo, primo in Italia di questa portata,- spiegano- è nato dall’esigenza di individuare e meglio indirizzare, in maniera condivisa, le diverse necessità della persona con patologia neurologica e psichiatrica in età evolutiva al momento del passaggio alla maggiore età, anche in relazione al grado di complessità multidisciplinare richiesta, al fine di proporre un modello di continuità di cura programmata, coordinata, e centrata sulla persona e la sua famiglia.

Torna alla navigazione interna