SuperAbile






In Tempo libero

Notizie


Disabilità rivoluzionarie

Rispetto al nostro lavoro di formatori ed educatori, qual è la scintilla che ci fa “esplodere”, rendendoci protagonisti di un cambiamento?

31 maggio 2021

Qualche giorno fa, a lavoro insieme ai colleghi del Centro Documentazione Handicap di Bologna, ho avuto modo di elaborare e condividere importanti spunti di riflessione in seguito alla visione di un film documentario, dal titolo Crip Camp: disabilità rivoluzionarie (2020), diretto da Jim LeBrecht e Nicole Newnhan.

Tutto è iniziato da una constatazione rispetto al nostro lavoro di formatori ed educatori, rivolto alle scuole e a tutte quelle realtà che operano in ambito sociale e culturale.

Dunque, qual è la scintilla che ci fa “esplodere”, rendendoci protagonisti di un cambiamento?

E ancora: in passato sono esistite nel mondo esperienze simili alla nostra realtà, mosse dallo stesso nostro desiderio di attivismo?

La risposta è affermativa ed è riconducibile alle vicende di Camp Jened, un campo estivo nelle vicinanze di New York, nato agli inizi degli anni Settanta che accoglieva persone con e senza disabilità.
Nella prima parte del documentario, alcune persone riprendono con una videocamera scorci di vita all’interno del camping, intervistandone i membri su vari argomenti: come vengono trattati dal mondo esterno, il diritto alla privacy, le relazioni affettive, il rapporto con la sessualità.

Sicuramente, un aspetto interessante che emerge, è la mancanza di una struttura gerarchica – nel film si fa riferimento ad una piramide al cui vertice ci sono i poliomielitici (considerati i “più normali”) e all’ultimo gradino le persone affette da paralisi cerebrali.

A Camp Jened, invece, tutte e tutti, a prescindere dalle proprie caratteristiche e differenze, sono alla “pari”: non ci sono assistenti e/o educatori, non ci sono figure professionali da una parte e utenti dall’altra.

Questo presuppone il rispetto della persona, al di là di ogni disabilità, e uno slancio verso l’altro – costante, reciproco, e mai unilaterale – una responsabilità condivisa che è il fulcro di ogni relazione.
Viene poi affrontata un’altra questione importante, ossia il discorso sulle discriminazioni multiple: uno degli intervistati spiega che fuori dal campeggio persone nere e persone con disabilità erano costrette a subire gli stessi sguardi “fissi” e discriminanti. Pertanto, la vicinanza degli appartenenti ad altre categorie discriminate era talmente forte da indurli a lottare per una causa comune.

Ma facendo un passo indietro: qual è la scintilla che spinge gli ospiti di Camp Jened a battersi per una legislazione che riconosca i diritti civili delle persone con disabilità? A lottare per una maggiore accessibilità nei luoghi pubblici e nelle città in generale?

Sicuramente il fatto che un’alternativa, una prospettiva – come quella di Camp Jened - che si arricchisce di uno sguardo diverso da quello imposto dalla società ordinaria, è possibile, solo se chi ha avuto modo di viverlo, ha la volontà di renderlo conoscibile a tutti, e fruibile in vari modi, ad esempio, col dialogo, e se necessario, manifestando e opponendosi alle autorità politiche.
Esistono diverse forme di attivismo, ma si tratta comunque di “scintille” multiformi e necessarie, se vogliamo che le buone intenzioni diventino buone prassi.

Questo spirito da “protagonisti del cambiamento” contraddistingue tante realtà che operano in ambito educativo e socio-culturale, come il CDH e il gruppo educativo  “Progetto Calamaio”.

Senza questa consapevolezza, il nostro lavoro di educatori e formatori non avrebbe senso.

E voi, sapete dirmi che forma ha la vostra scintilla?

Scrivete a claudio@accaparlante.it oppure sulle mie pagine Facebook e Instagram.

di Claudio Imprudente

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati