SuperAbile






In Tempo libero

Notizie


Il manganello di Pulcinella

Riflessioni sul Carnevale “accessibile” della Uildm. “Caro Pulcinella, chissà com’era Napoli ai tuoi tempi, chissà quante barriere c’erano allora per le strade...”

11 febbraio 2018

Caro Pulcinella,
come stai? E il tuo amico Arlecchino?
Ogni volta che ti penso mi vengono sempre in mente tre cose: Diego Armando Maradona, la mozzarella di bufala e, ovviamente, la pizza. Chissà com’era Napoli ai tuoi tempi, chissà quante barriere c’erano allora per le strade e chissà quante persone hai visto o non hai visto, disabili che si nascondevano nelle loro case per esempio… Oggi purtroppo i tempi sono cambiati, purtroppo o per fortuna, certo è che alcune barriere rimangono.
 
Certo è anche che non ti avrei mai immaginato a bordo di una sedia a rotelle, proprio tu, saltellante come sei… Eppure, si sa, a Carnevale, il tuo periodo dell’anno preferito, ogni scherzo vale e questa volta non hai badato a spese per toglierti il sassolino dalla scarpa…Eccoti allora partire da Napoli alla volta di Viareggio, dove ti sei presentato su un’immensa carrozzina, realizzata per te dai fratelli Breschi, due toscanacci dalla battuta pronta, maestri di artigianato e creatività. Conoscendoti, i due han ben pensato di lasciarti in mano anche un grosso manganello, ideato con gli amici dell’associazione Uildm (Unione italiana lotta alla distrofia muscolare).
 
Insieme a loro avete fatto così partire un grande carro, che avete chiamato “No tu no”, dove ti sei fatto strada a manganellate tra tutte le barriere che hai trovato per via, transenne, ostacoli e limiti di ogni tipo. Come sempre lo hai fatto con la tua energia e con il sorriso, dando a tutti modo di porsi il problema su un diritto che dovrebbe essere acquisito ma ancora non lo è. Uno dei tuoi complici, il maestro Massimo Breschi ha spiegato perché sei stato contattato: “Pulcinella è il personaggio perfetto – ha raccontato Breschi – perché è la maschera della Commedia dell’Arte che lotta contro i soprusi e le ingiustizie sociali, ma sempre con il sorriso sulle labbra. Esprime la stessa vitalità con la quale le persone con disabilità lottano ogni giorno per opporsi a barriere insormontabili e umilianti".
 
Arrivare al Carnevale di Viareggio (ancora per la città il 4, 11, 13 e 17 febbraio), famoso in tutto il mondo, con questa mise, beh, è davvero per te una bella soddisfazione, da aggiungere alla tua lunga carriera di maschera! E lo è anche per la Uildm e tutte le persone con disabilità che da questa divertente provocazione si sentiranno sostenute e rappresentate, finalmente, con un po’ di decisione. Che dire, come direbbe Luca Carboni “allora giù botte coi manganelli
comunque non eravamo troppo fratelli”!
 
E voi, vi siete mai concessi una manganellata? Scrivete a claudio@accaparlante.it o sulla mia pagina facebook.

di Claudio Imprudente

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati