SuperAbile






In Tempo libero

Notizie


“Donne In Prigione”: a Venezia il docufilm di Versace, Squillo e Corollo

Il documentario è realizzato interamente all'interno della Sezione Femminile del Carcere di San Vittore di Milano

28 agosto 2019

MILANO – Sarà presentato Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia “Donne in prigione”, il docufilm di Giusy Versace, Jo Squillo e Francesca Carollo girato all'interno della sezione femminile del carcere milanese di San Vittore. Sarà presentato al pubblico e ella stampa giovedì 29 agosto alle ore 16.00, presso lo Spazio della Regione del Veneto ospite dell’Hotel Excelsior (Lido di Venezia) e alle 17.30 agli studenti nello spazio Pegaso Lounge, sempre all’interno dell’Hotel Excelsior.

Questo documentario si inserisce tra le iniziative promosse dalla onlus "Wall of Dolls", per sostenere i progetti culturali contro la violenza sulle donne e la violenza di genere. “E’ stato un lavoro molto impegnativo, durato 3 mesi – racconta Giusy Versace - che ci ha permesso di raccogliere molto più materiale di quanto ci aspettassimo e di girare più di 8 ore tra immagini e interviste. L’occasione che ci è stata offerta a Venezia, all’interno della Mostra Internazionale del Cinema, sarà solo l’anticipazione di un lungo lavoro che intendiamo proporre nelle scuole e nelle altre Case Circondariali. E’ stato davvero interessante raccogliere la voce delle detenute e di tutte quelle donne che ogni giorno si occupano della loro rinascita come le volontarie, le educatrici e le agenti penitenziari. A riguardo devo ringraziare il Dipartimento della Polizia Penitenziaria che ci ha permesso di intervistare alcune agenti in servizio a San Vittore, le quali ci hanno raccontato la delicatezza e l'importanza del loro ruolo, spesso poco compreso. Siamo felicissime di poter tornare, per il terzo anno consecutivo, su un palco così importante e prestigioso come quello di Venezia e per questo siamo molto emozionate”.
 

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati