SuperAbile






In Sportelli e Associazioni

Notizie


Coronavirus, Ail: misure più rigide a tutela del paziente con tumore del sangue

I pazienti fragili cosa devono fare di più rispetto agli altri? Come proteggere il loro sistema immunitario da altri attacchi? A dare queste e altre informazioni il presidente Sergio Amadori

26 marzo 2020

ROMA - Lavarsi le mani, mantenere le distanze di sicurezza e cucinare il più possibile i cibi per abbattere eventuali cariche virali. Queste le regole entrate ormai nella testa e nelle case di tutti gli italiani. Ma i pazienti fragili, affetti da un tumore e che sono in terapia, cosa devono fare di più rispetto agli altri? Come proteggere il loro sistema immunitario da altri attacchi? A dare queste e altre informazioni, interpellato dall'agenzia di stampa Dire, è il presidente nazionale dell'Ail, l'Associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma, Sergio Amadori:
 
In questo periodo di emergenza Covid-19 il paziente con diagnosi di tumore al sangue a quali regole extra, oltre quelle ministeriali, deve attenersi per non mettere in pericolo maggiormente la propria salute?
"In questo periodo di grande difficoltà per tutto il Paese, ministero Salute e Comitato tecnico scientifico, insieme all'Iss, hanno già stilato le regole di carattere generali che ognuno di noi dovrebbe seguire. Ovviamente queste valgono a maggior ragione per i pazienti oncologici e ancor di più onco-ematologici. Il vademecum è la vera bussola per ridurre al minimo i rischi di contagio quindi: stare il più possibile a casa, lavarsi spesso e bene le mani, mantenere la distanza di un metro e mezzo due metri e non frequentare le zone affollate. Qualora si dovesse uscire per necessità in ogni caso bisogna munirsi della mascherina come in fila supermercato e l'altra cosa è proteggersi con i guanti per evitare di toccare direttamente le superfici che possono essere state a contatto con il virus. In più, attenzione a non toccarsi occhi e bocca con le mani prima di lavarle nuovamente. Altre iniziative utili, per i pazienti più fragili, possono essere quelle di igienizzare bene i prodotti vegetali e disinfettarli per ridurre la carica virale. Usare il più possibile cibi cotti. è altresì opportuno igienizzare l'esterno delle confezioni, l'involucro dei prodotti inscatolati e imbustati. Naturalmente i pazienti affetti da un tumore del sangue dovrebbero essere più accorti in questo periodo e aiutarsi anche con questo tipo di pratiche. Ma attenzione a non estremizzare, la notizia che girava sul disinfettare la suola delle scarpe prima di rientrare non ha alcuna evidenza scientifica".
 
Perché sul paziente immunodepresso e in terapia il Covid può essere molto più letale?
"Il Covid-19, come altre infezioni da virus ma anche da germi, trovano nel paziente immunodepresso, cioè che ha ridotte difese immunologiche, un terreno fertile. Tali soggetti possono essere: i bambini appena nati, i soggetti anziani e poi esistono tutta una serie di malattie, tra cui quelle onco-ematologiche, che spingono il pedale sul sistema immunologico e gli impediscono di 'reagire’ a delle infezioni così come nei pazienti affetti da un tumore solido. Oggi è ammesso il pensiero che ognuno di noi, ogni giorno, produce qualche cellula tumorale solo che nei pazienti 'sani’ se il sistema immunologico è attivo è in grado di riconoscere quelle cellule e ha armi potenti per neutralizzare tali cellule e bloccare la crescita del tumore. Se invece il tumore solido o del sangue si sviluppa vuol dire che le difese immunologiche di quel paziente non sono state in grado di contenere il tumore che si stava sviluppando. Ecco perché i pazienti con tumore, magari in terapia, oggi a maggior ragione con questa pandemia sono molto più vulnerabili a patogeni esterni e quindi più a rischio".
 
Ail finanzia servizi domiciliari per adulti e bambini. Quali sono? E si avvalgono di equipe multidisciplinari?
"Il servizio di assistenza domiciliare dell'Ail da molti anni è il fiore all'occhiello della nostra associazione. Lo scopo naturalmente è stare vicino al paziente in tutto il percorso della malattia. L'idea è cercare di ridurre il più possibile la necessità del ricovero ospedaliero e portare la cura a casa del paziente. I risvolti positivi psicologici nei pazienti sono in tal senso enormi. Stare nel proprio ambiente familiare è vincente ed è un vero e proprio elisir di lunga vira. Questo non si può fare per tutti i pazienti, ma per tutti quelli dove è possibile va portata avanti la cura a casa. L'Ail è articolata in 81 sezioni provinciali, l'attività dei servizi domiciliari è erogata però da 42 sezioni. Nelle altre sezioni dove questa non è prevista è l'ospedale che ha nel programma di assistenza un servizio strutturato di assistenza domiciliare. E l'Ail in questo caso va integrare assistenza domiciliare della struttura pubblica. L'assistenza domiciliare è erogata da una equipe multidisciplinare composta da: un medico, un infermiere e spesso lo psicologo a volte necessario per dare consigli su come affrontare la malattia. In questo periodo, con scoppio della pandemia, abbiamo bloccato la partecipazione dei nostri 20mila volontari, che sono il 'ponte’ tra centri ematologia e il paziente negli ambulatori, nei day hospital o a casa per ridurre i rischi di contrarre il Covid-19".
 
Quest'anno i volontari non potranno essere nelle piazze con l'iniziativa delle uova. Come è possibile sostenere comunque ricerca e attività promosse dall'associazione?
"In questo periodo non è possibile organizzare le manifestazioni di piazza e quindi Ail non sarà in piazza con la consueta campagna della uova. Questo ha creato scompensi perché la vendita delle uova Ail è fondamentale per sostenere ricerca così come quella delle stelle di Natale. è possibile comunque sostenere Ail virtualmente basta visitare il sito dell'Ail nazionale e delle sezioni locali per sostenerci con donazioni. In alcune sezioni che avevano già fatto gli ordinativi delle uova di Pasqua, alcuni volontari possono provvedere a portare a domicilio del paziente le uova oppure è possibile decidere di ritirarlo successivamente quando l'emergenza sarà terminata. In ogni caso le informative aggiornate corrono sul nostro sito e i profili social. In ogni caso si può portare avanti la raccolta fondi attraverso i bonifici e con donazioni. Basta un clic, secondo le disponibilità di ognuno".

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati