SuperAbile






In Sportelli e Associazioni

Notizie


Reddito di cittadinanza, il tesoretto? “Serva ad aumentare le pensioni d'invalidità”

Le stime più aggiornate parlano di un possibile “avanzo” di almeno 700 milioni per il 2019, dovuto al numero di beneficiari più esiguo di quanto previsto. La proposta di Fand: “Destiniamo il tesoretto all'aumento delle pensioni d'invalidità, ferme a 285 euro al mese”

18 aprile 2019

ROMA – Torna a far parlare di sé il reddito di cittadinanza, nei giorni in cui l'Inps conta le domande pervenute (poco più del 50% con esito positivo) e comunica tramite sms gli importi spettanti agli aventi diritto (per molti nettamente inferiori alle aspettative): mentre sui social e in rete si fanno rapidamente strada perplessità e scontento, di fronte all'ipotesi di un “tesoretto” (risultato dalla differenza tra la somma accantonata e quella che effettivamente sarà necessaria per coprire le domande finora pervenute), non tardano ad arrivare le proposte per un suo possibile ed efficace utilizzo. Ed è qui che si torna a parlare di disabilità, nel tentativo di recuperare lo “svantaggio” che da tante parti è stato evidenziato e denunciato proprio per i nuclei familiari con componenti disabili, nell'accesso al beneficio. Il suggerimento arriva da Anmic e Fand, tramite il presidente Nazaro Pagano, che chiede al governo di riservare i fondi inutilizzati dal Rdc, stimati in 850 milioni, per aumentare le pensioni di invalidità.
 
“Finora il finanziamento per la spesa sociale e assistenziale destinata ai cittadini disabili è rimasta largamente sottostimata e sottofinanziata – afferma Pagano - Lo stesso reddito di cittadinanza prevede di fatto benefici minimi per le famiglie con componenti disabili. Perché allora non riservare questo 'tesoretto' per migliorare finalmente la tutela delle persone con grave disabilità? - propone il presidente di Anmic e Fand - Ad esempio aumentando finalmente le misere pensioni di invalidità, ferme ancora a sole 285 euro al mese. Anche migliorare le condizione di vita dei cittadini più in difficoltà aiuterà di certo a spingere i consumi ed il nostro Pil, ma rappresenterà anzitutto una reale operazione di equità e di concreta lotta a povertà e diseguaglianze”.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati