SuperAbile






In Sportelli e Associazioni

Notizie


“Giudy”, un gioco a carte per imparare la sicurezza stradale

E’ il gioco che sarà diffuso dalla Regione Toscana nelle scuola della regione dove, attraverso i mazzi di specifiche carte, i giovani potranno sensibilizzarsi sul tema della sicurezza stradale

15 aprile 2019

FIRENZE - Comportarsi correttamente lungo la strada, attraversare nei punti giusti e con cautela, conoscere i principali segnali stradali, sapersi gestire sia come pedoni che con la bicicletta: queste alcune delle competenze che gli studenti delle scuole primarie della Toscana dovranno sviluppare per giocare e vincere con il progetto 'Guidy', gioco di carte didattico pensato per sensibilizzare ed educare al corretto comportamento sulla strada. Oltre 3.000 mazzi di carte 'Guidy', acquistati dalla Regione su iniziativa dell'Osservatorio Regionale per la Sicurezza Stradale (Orss), saranno distribuiti alle scuole primarie toscane che ne faranno richiesta e quando più istituti avranno preso confidenza con il gioco, potranno essere organizzati tornei tra scuole o campionati regionali.
 
'Guidy' è stato sperimentato dalla scuola primaria De Amicis di Sesto Fiorentino a giugno ed ottobre 2018. I risultati sono stati buoni, i bambini hanno dimostrato interesse, attenzione e capacità di trasporre nella vita quotidiana i concetti appresi durante il gioco. A seguito del successo della sperimentazione la scuola De Amicis di Sesto Fiorentino è stata scelta anche come luogo per firmare l'atto che permetterà a tutte le scuole primarie della Toscana di replicare questa esperienza.
 
L'assessore regionale ai trasporti - che è anche Presidente dell'Orss - e il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale per la Toscana hanno siglato un accordo di programma che fissa un percorso di collaborazione tra la Regione e la Direzione scolastica regionale in tema di promozione della cultura della sicurezza stradale. Il progetto Guidy rappresenta la prima iniziativa concreta con cui si darà attuazione al protocollo. L'assessore regionale alle infrastrutture ha spiegato che anche le migliori opere stradali per la messa in sicurezza diventano inutili se manca l'educazione al rispetto delle regole ed ha ricordato che tramite l'Orss la Regione dal 2011 promuove e coordina iniziative per l'educazione stradale. In questo ambito la collaborazione con il MIUR e con l'Ufficio scolastico regionale è preziosa perché insegnare l'educazione stradale ai bambini è fondamentale, sia per la loro formazione, sia per traghettare importante messaggi all'interno delle famiglie.
 
La Regione finanzierà la stampa e la distribuzione di 3.000 mazzi di carte e nel frattempo la Direzione scolastica provvederà a informare tutti gli istituti su finalità e modalità del progetto, coinvolgendo gli insegnanti e fornendo loro la necessaria preparazione. Per l'inizio del nuovo anno scolastico tutte le scuole primarie interessate (nel rispetto dell'autonomia dei singoli istituti) saranno in grado di inserire 'Guidy' e l'educazione stradale tra le attività in programma. Nel corso dell'anno scolastico 2019/2020, quando tutte le classi coinvolte avranno preso confidenza con il gioco, potranno essere organizzati tornei o campionati. Per tutte le attività connesse al progetto 'Guidy' la Regione Toscana si è impegnata ad investire fino a 30.000 euro.
 
Il gioco (ideato dall'ing. Marco Sori per Com.Ing srl) prevede da 2 a 4 giocatori di età superiore ai 6 anni e 55 carte suddivise in: carte  SITUAZIONE (dorso  di  colore verde)  che riportano, sul fronte, immagini riferite a comportamenti giusti (evidenziati da un SI) o errati (evidenziati da un NO) messi in atto da un pedone o da un bimbo in bicicletta oppure alcuni  segnali stradali; carte  RISPOSTA (dorso di colore rosso) da abbinare  alle corrispondenti carte SITUAZIONE; carte SPECIALI (anch'esse dal dorso di colore rosso) che danno indicazioni sul gioco (es. 'fermo un turno', 'turno extra', 'scambia le carte', ecc). Durante la partita, i giocatori vengono premiati quando fanno le scelte giuste in relazione ai comportamenti stradali e in questo modo imparano le regole fondamentali del codice della strada. L'obiettivo è anche quello di raggiungere, attraverso i bambini, i genitori, rafforzando la cultura della sicurezza.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati