SuperAbile






In Sportelli e Associazioni

Notizie


Torna la Befana della solidarietà per la Casa dei risvegli Luca De Nigris

La manifestazione nata nel 1999 è diventata un punto di riferimento ludico, culturale, solidale per Bologna. De Nigris: “Dedichiamo questa edizione a Carla Astolfi che, per tanti anni, ha interpretato una Befana generosa e affettuosa”. Dal 4 al 9 gennaio 2019

4 gennaio 2019

 
BOLOGNA – Ventunesima edizione per la Befana di solidarietà per la Casa dei risvegli Luca De Nigris. Dal 4 al 9 gennaio 2019 torna la manifestazione che è ormai diventata un punto di riferimento ludico, culturale, solidale per la città e che ha contribuito a rendere concreta l'idea della Casa dei risvegli, il progetto sostenuto dal Comune di Bologna, dalla Regione Emilia-Romagna e da molte istituzioni pubbliche e soggetti privati. “L'iniziativa è nata nel 1999, Luca era appena scomparso e subito dopo era cominciata una gara di solidarietà che, in suo nome, avrebbe portato alla nascita dell'innovativo centro di riabilitazione e ricerca dell'Azienda Usl di Bologna – raccontano Maria Vaccari e Fulvio De Nigris, genitori di Luca e rispettivamente presidente dell'associazione Gli amici di Luca e direttore del Centro studi per la ricerca sul coma – In questa ventunesima edizione, ricordiamo ancora l'amata attrice Carla Astolfi che, per molti anni, ha interpretato per noi una Befana generosa e affettuosa. Oggi Paola Mandrioli, attrice di Fantateatro, ha preso sulle spalle l'eredità di Carla e prosegue una antica e moderna tradizione sul calesse di Giancarlo Saveri trainato dalla somarina Bianchina, per le strade della città”.
 
La manifestazione comincia le sue attività già prima del 6 gennaio. Il 22 dicembre e il 5 gennaio al Centro Lame ci saranno le animazioni di Fantateatro “Aspettando Robin Hood”. Il 4 gennaio alle 11 la Befana incontrerà bambini e famiglie nel reparto di Pediatria e Chirurgia pediatrica dell'Ospedale maggiore. Il 5 e 6 gennaio la Befana aspetta i bambini nella Casa in piazza di Porta Ravegnana arredata grazie a Ikea per raccontare favole e distribuire doni. Il 5 gennaio alla Casa dei risvegli Luca De Nigris alle 11 la Befana incontrerà ospiti, familiari, operatori, volontari. Il 6 gennaio alle 11 c'è la tradizionale Befana della Cna sotto la Torre con l'apertura di ArtigianArte, spettacolo di Fantateatro con “La Befana e i suoi fantamici” e il giro in calesse tra le Due Torri e piazza Maggiore. Il 4 gennaio alle 20.30, il 5 alle 17 e il 6 alle 17, la Befana storica dei Circoli dipendenti università di Bologna e Circoli dipendenti comunali sarà al Teatro Duse con Fantateatro per presentare il nuovo spettacolo “Robin Hood il musical” (l'incasso sarà devoluto alla Casa dei risvegli). Alla fine degli spettacoli la Befana incontra i bambini e il 6 gennaio verranno premiati i bambini delle scuole di Bologna e provincia che hanno partecipato al concorso “La Befana Robin Hood”. Sempre il 6 gennaio c'è in programma la Befana all'Ippodromo Arcoveggio a partire dalle 14.30.
 
“Le iniziative della Befana della solidarietà sono per noi forti, si sono consolidate nel tempo e rispecchiano desideri comuni a quelli di nostro figlio Luca, scomparso nel 1999 proprio pochi giorni dopo l'Epifania – continuano Vaccari e De Nigris – Queste iniziative continuano a portare solidarietà alla Casa dei risvegli, preziosa risorsa del sistema sanitario nazionale ed esperienza importante nel panorama europeo”. E ancora: “Attorno alla vecchina cara ai bambini si è sviluppata una manifestazione che ha permesso di costruire un'allegra solidarietà attorno al nostro progetto e alle molteplici attività che si realizzano – concludono – In questa edizione, continuano a esprimere una Befana che non viene meno alla sua mission di solidarietà, al recupero dei valori della città, di relazioni vere e dirette, di un modo slow di pensiero e di veloce azione, con l'obiettivo di raccogliere fondi per continuare quel percorso di affiancamento alle famiglie, di assistenza e ricerca che si esprime nella Casa dei risvegli e nell'affrontare il rientro al domicilio delle persone con esiti di coma”.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati