SuperAbile







In handbike alla maratona di New York: il sogno di Federico Villa

L'atleta di 26 anni è affetto da atassia di Friedreich, una malattia degenerativa. La gara è in programma il 4 novembre prossimo. "Un obiettivo che voglio condividere con tutti gli atassici, per dimostrare che possiamo raggiungere grandi risultati"

5 agosto 2012

MILANO - Esistesse una strada asfaltata da qui all'America, sarebbe già partito. E starebbe già pedalando, con la spinta delle sue braccia, verso New York. Federico Villa, 26 anni, è innamorato della sua handbike dal 2005. Affetto da atassia di Friedreich - una malattia genetica degenerativa, rara e al momento senza cura - avrebbe voluto essere a Londra per le Paralimpiadi, ma la convocazione non è arrivata. Così si sta allenando per un altro grande obiettivo: la maratona di New York del 4 novembre. "Non è stato facile ottenere un pettorale - racconta -, perché gli atleti disabili che vogliono partecipare alla maratona sono selezionati da una onlus americana. E i posti per gli italiani erano solo tre". C'è però un altro scoglio: quello delle spese di viaggio. Non è un gran momento per cercare sponsor e così Federico ha deciso di rivolgersi alla rete: il suo blog preparingnewyork.wordpress.com è al tempo stesso un appello a possibili finanziatori e un modo per raccontare l'avvicinamento alla maratona più famosa.

"L'obiettivo è raccogliere 3mila euro, ma per adesso siamo ben lontani", spiega Federico. Il suo viaggio verso la Grande Mela sarà un ritorno: "Sono nato e cresciuto lì fino ai cinque anni. Non ricordo granché, ma New York è rimasta nei miei sogni". A mettergli il tarlo dell'avventura americana è stato un po' anche il fratello Alessandro, 31 anni, anche lui affetto da atassia di Friedreich, che a fine gennaio ha corso la maratona di Miami. Grazie a lui Federico ha scoperto l'handbike e insieme hanno creato il team "Piccoli Diavoli a 3 Ruote". Insieme, con ironia e coraggio, affrontano la malattia che di anno in anno li debilita sempre più.

Come si può vedere dai video caricati nel suo blog, invece che alle ferie Federico ha deciso di dedicare il mese agosto agli allenamenti e da Monza è andato fino al Lido di Venezia, nella vecchia casa dei nonni: "Gli altri handbiker - dice - in questo periodo si riposano, mentre io sono qui a sgobbare e alle 7 sono già in strada. Quello della maratona di New York è un obiettivo che voglio condividere con tutti gli atassici, per dimostrare che possiamo raggiungere grandi risultati, con costanza e impegno". (Stefano Rizzato)

(6 agosto 2012)

di d.marsicano

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati