SuperAbile







Basket in carrozzina: sabato 23 gennaio al via il Campionato italiano 2021/2022

Tante le novità di questa nuova stagione. Il capitano del S.Stefano campione d’Italia in carica Ghione: “La voglia di tornare in campo è tanta”. Il coach di Cantù Riva: “La Coppa Italia è stato un bel banco di prova ma ora dobbiamo guardare avanti e mettere subito la testa al campionato”

22 gennaio 2021

ROMA - Due gironi da quattro squadre ciascuno, quarti di finale e semifinali con match di andata e ritorno, una finale al meglio delle tre sfide e nessuna retrocessione in Serie B. E’ questa la nuova formula del Campionato Italiano 2021/2022 di pallacanestro in carrozzina, che prende il via ufficialmente sabato 23 gennaio con gli incontri validi per la prima giornata. Tante le novità rispetto al passato, quindi, a eccezione del format della finale, che si gioca, come nelle precedenti edizioni, al meglio delle tre sfide. La massima serie riprende a undici mesi di distanza dall’ultima partita valida per il Campionato Italiano. Un Campionato, quello 2019/2020, alla fine sospeso a causa della pandemia di Covid-19. 
 
Due mesi fa, il basket in carrozzina italiano è tornato sul parquet di Grottaglie, in Puglia, per l’assegnazione della Coppa Italia 2020. A conquistare l’unico trofeo di una stagione travagliata è stata la UnipolSai Briantea 84 Cantù. Due, dicevamo, i gironi. Del raggruppamento A faranno parte i campioni d’Italia del S. Stefano Avis, la Deco Group Amicacci Giulianova, il Padova Millennium Basket e la Dinamo Lab Sassari. Il girone B sarà invece composto dalla UnipolSai Briantea84 Cantù, dal GSD Porto Torres, dallo Special Bergamo Sport Montello e dalla matricola Farmacia Pellicanò Reggio Calabria BIC, che sostituisce il Santa Lucia Roma, che ha deciso di ripartire dalla Serie B.
 
Al termine della stagione regolare, i piazzamenti delle formazioni all’interno dei due raggruppamenti determineranno gli accoppiamenti dei quarti di finale, che si disputeranno a partire dal 6 marzo in match di andata e uno di ritorno. A seguire le semifinali, che si svolgeranno sempre con la formula di andata e ritorno.  La finale si giocherà al meglio delle tre partite, con gara 1 fissata per il 10 aprile. Ogni settimana, poi, la FIPIC manderà in diretta streaming una partita della stagione regolare. Si inizia con il match tra Deco Group Amicacci Giulianova e Studio 3A Padova Millennium.
 
Andiamo quindi a vedere le altre sfide valide per il primo turno, oltre a quella tra il roster abruzzese e quello veneto, in programma sabato 23 gennaio alle ore 15 e valida per il girone A. Alla stessa ora, i campioni d’Italia in carica di S.Stefano sono attesi dalla trasferta di Sassari contro la Dinamo Lab Banco Sardegna. Ad aprire la stagione del gruppo B sarà il confronto tra GSD Porto Torres e Special Bergamo Sport Montello. Fischio di inizio alle ore 15. Alle 19, la UnipolSai Briantea84 Cantù andrà a far visita al campo della neopromossa Farmacia Pellicanò Reggio Calabria BIC.
 
“C’è tanta attesa per il ritorno in campo – assicura il coach dei canturini Daniele Riva – stiamo lavorando tanto per farci trovare pronti a questo appuntamento. Ogni partita per noi è importante – prosegue – i nostri avversari li abbiamo già incontrati nella Final Four di Coppa Italia e abbiamo avuto modo di conoscerli. La Coppa Italia è stato un bel banco di prova ma ora dobbiamo guardare avanti e mettere subito la testa al campionato. E’ stato un anno molto lungo – dichiara il capitano del S.Stefano Enrico Ghione – l’inizio del campionato sembrava non arrivasse mai. Noi ci siamo preparati e abbiamo avuto tempo di lavorare – assicura – e le occasioni, nello sport, arrivano sempre. La voglia di tornate in campo è tanta – aggiunge – la mia speranza è che quest’anno si riesca a far tutto. Il grosso rammarico dell’anno scorso – conclude Ghione - è stato non aver avuto la possibilità di finire l’anno con alcuni giocatori che invece quest’anno ci hanno lasciato. Peccato, l’anno scorso eravamo a un passo dal ripetere la vittoria in campionato – racconta Andrea Giaretti, compagno di squadra di Ghione – eravamo primi in classifica, anche se questo non toglie il fatto che c’erano due squadre come Cantù e Porto Torres pronte a darci filo da torcere come l’anno dello Scudetto. Quest’anno faremo di tutto per cercare di portare a casa un altro Tricolore – assicura - che sarebbe un sogno bellissimo per tutti noi”. (a cura del Cip)

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati