SuperAbile







Para ice hockey: la Nazionale italiana è tornata ad allenarsi a Torino

Il coach azzurro Da Rin: “E’ importante aver ricominciato, soprattutto in questo anno molto difficile. Sono soddisfatto perché i ragazzi hanno lavorato bene”. Il vice allenatore Bianchi: “Il nostro obiettivo è sicuramente quello di qualificarci per i Giochi di Pechino 2022”

15 dicembre 2020

Rientro sul ghiaccio per gli azzurri del para ice hockey. Da venerdì 11 a domenica 13 dicembre il Palaghiaccio Tazzoli di Torino ha ospitato il collegiale della Nazionale Italiana. Un intenso fine settimane di allenamenti che ha permesso allo staff tecnico di testare lo stato di forma dei nostri giocatori a circa di cinque mesi dall’appuntamento più importante del 2021, i Mondiali in Repubblica Ceca, al momento in calendario per l’inizio di maggio. Prima, però, sempre che la situazione sanitaria mondiale lo permetta, a gennaio si svolgerà il tradizionale torneo internazionale “Città di Torino”, evento intitolato, anche quest’anno, alla memoria dell’indimenticato Andrea ‘Ciaz’ Chiarotti, il pioniere del para ice hockey in Italia.

“E’ importante aver ricominciato, soprattutto in questo anno molto difficile – sostiene il coach della Nazionale Italiana Massimo Da Rin – al PalaTazzoli di Torino abbiamo svolto quattro sessioni di allenamento, in cui abbiamo lavorato sui dettagli, dividendoci per reparti e concentrandoci su esercizi mirati per il settore difensivo e quello dell’attacco. Sono soddisfatto, perché nonostante i ragazzi non abbiamo potuto vedersi per lungo tempo hanno lavorato bene – ammette Da Rin – anche negli ultimi allenamenti, infatti, ho visto tanta intensità ed è questo un aspetto molto positivo. L’obiettivo è crescere con i giovani – avverte – le nuove leve, infatti, grazie all’apporto dei veterani, stanno acquisendo sempre più maturità: da loro potrà arrivare un contributo importante in vista dei Giochi Paralimpici invernali di Pechino 2022”.

Il pensiero, quindi, è già alle Paralimpiadi cinesi, come conferma il vice di Da Rin Mirko Bianchi: “Il nostro obiettivo è sicuramente quello di qualificarci per Pechino 2022: si tratterebbe della quinta partecipazione ai Giochi da Torino 2006 a oggi. Proprio in vista di questo obiettivo, i prossimi Mondiali in Repubblica Ceca saranno fondamentali – osserva Bianchi – speriamo che da adesso in poi la stagione possa proseguire senza intoppi. E’ stato un anno molto duro – spiega – uno dei maggiori problemi è stato la mancanza di nuove leve e anche le nostre società hanno avuto difficoltà a reclutare nuovi giocatori. Questo raduno ha rappresentato un momento di avvicinamento verso il prossimo appuntamento, il torneo internazionale “Città di Torino”, in programma dal 18 al 23 gennaio”. (a cura del Cip)

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati