SuperAbile







Atletica paralimpica, primati italiani al Meeting di Castiglione della Pescaia

Li hanno fatti segnare Stanislav Ricci nel giavellotto F63 e Nicky Russo nel peso F37. Ricci: “Un risultato che conferma la giusta direzione che abbiamo intrapreso”

28 luglio 2020

ROMA - Ottime indicazioni, per l’atletica paralimpica italiana, dalle pedane grossetane, dove, nel fine settimana, si sono svolte le gare valide per il X Meeting Città di Castiglione della Pescaia. I lunghi mesi di stop sembrano non aver scalfito le ambizioni dei nostri atleti, decisi ad affrontare nel migliore dei modi l’anno che porterà ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2021.
 
Nel giavellotto di categoria F63, straordinaria prestazione di Stanislav Ricci, del Francesco Francia, che lancia 49,47 e migliora di un altro metro e mezzo il primato assoluto che già deteneva. “Che dire – esordisce Ricci – quando arrivano risultati del genere l’emozione blocca le parole ma è sicuramente un risultato che conferma la giusta direzione che abbiamo intrapreso”. “La meta che mi sono prefissata è lontana – ammette – ma questo non mi ferma nel provare a scalare la montagna e se dovessi cadere mi alzerò e ci riproverò e questo, per me, vuol dire determinazione”. 
 
Nel peso F37, dominio di Nicky Russo, dell’Atletica Virtus Cassa di Risparmio di Lucca, che polverizza il record italiano e stabilisce la nuova misura di 11,89.
 
Nel disco, soffrono più del previsto Oney Tapia (Fiamme Azzurre) e Lorenzo Tonetto (Trionfo Ligure). Al termine di una gara interminabile, l’italo-cubano realizza un lancio di 40,97 nella categoria F11, mentre nella F64 Tonetto fa atterrare il disco a 41,58. 9,85 la misura di Antonio Acciarino (Athletic Terni) nel peso F63.
 
Per quanto riguarda la specialità sprint, da segnalare le ottime prove degli atleti del Sempione 82 Riccarco Cottili e Lorenzo Marcantognini. Il primo corre i 100 metri F64 in 12.16, mentre  il secondo ferma il crono dei 100 metri T63 in 15.12. 
 
Non solo Meeting di Castiglione della Pescaia nel fine settimana di atletica paralimpica. A Bergamo, Simone Manigrasso (Fiamme Gialle) fa registrare un buon 11.91 nei 100 metri di categoria T64. Bene anche Francesca Cipelli, del Veneto Special Sport, che al Meeting di Treviso salta 4,08 nel lungo F37, una misura che le varrebbe il nuovo record nazionale per due centimetri, primato, purtroppo, non omologabile a causa del vento favorevole. Sempre a Treviso, Agnese Caon, anche lei portacolori del Veneto Special Sport, lancia il peso di categoria F41 a 4,23. Ad Avola, infine, grande prestazione del giovanissimo – appena sedicenne – Salvatore Bianca (Arco Club Gela), che atterra a 6,03 nel lungo T20. (a cura del Cip)

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati